Reddito cittadinanza: card con prelievo max 100 euro e bonifici affitto

  • Stampa

L'Inps ha pubblicato la circolare (43) sulle "Disposizioni urgenti in materia di Reddito di cittadinanza e di pensioni" in "Quota100". Oltre alla definizione della misura, il documento fornisce le indicazioni per la sua attuazione in merito a: richiesta e individuazione dei requisiti per l'accesso al beneficio; requisiti di cittadinanza, residenza (con molte contestazioni da varie categorie) e soggiorno; reddituali e patrimoniali; relativi al godimento di beni durevoli; di compatibilità; svolgimento di attività lavorativa all`atto della presentazione della domanda; competenza nella verifica dei requisiti; calcolo del beneficio economico; concessione e variazione da comunicare durante il godimento del beneficio; variazioni patrimoniali, dell'attività lavorativa e del nucleo; attività di lavoro dipendente; attività di impresa o di lavoro autonomo; finanziamento e monitoraggio; abrogazione del Reddito di inclusione (Rei) e il regime transitorio; e regime fiscale.
Il beneficio economico del Reddito di cittadinanza (Rdc) è erogato attraverso una card (come per il Rei), la cui consegna avverrà negli uffici del gestore del servizio integrato, Poste Italiane, ed esclusivamente dopo il quinto giorno di ciascun mese.

Oltre che al soddisfacimento delle esigenze previste per la carta acquisti (beni di prima necessità, medicinali e alcune utenze domestiche) la card (nella foto a destra) permette di effettuare prelievi di contante entro un limite mensile non superiore a 100 euro per singolo individuo. E' possibile effettuare anche un bonifico mensile per il pagamento dell`affitto, nell`ipotesi in cui l`importo del beneficio economico sia comprensivo della componente a integrazione del reddito dei nuclei familiari residenti in abitazioni in locazione. L'Rdc è, infatti di 500 euro mensili più 280 per chi vive in affitto.

A decorrere da marzo il Rei non può essere più richiesto e a partire dal successivo mese di aprile non è più riconosciuto né rinnovato per una seconda volta.
Pertanto, chiarisce la circolare, l`ultima data utile per la presentazione della domanda di Rei è stata il 28 febbraio. Per coloro ai quali il Rei è stato riconosciuto prima di aprile (domande presentate entro il 28 febbraio), il beneficio continua a essere erogato per la durata inizialmente prevista, fatta salva la possibilità di presentare domanda per il Rdc. L`accoglimento della domanda della nuovo strumento comporta la decadenza dalla domanda di Rei, che spetta a chi ha almeno due anni di residenza e massimo seimila euro di Isee, mentre Rdc spetta a chi ha almeno 10 anni di residenza e 9360 euro di Isee. Il beneficio economico del Rdc ha carattere assistenziale, per cui è esente dall`imposta sul reddito delle persone fisiche. La domanda di Rdc si fa tramite Caf, alle Poste Italiane o sull'apposito sito web tramite firma digitale Spid (nella foto a sinistra, la home page).

 

e-max.it: your social media marketing partner