Comune Pescara/Cav: al via servizi gratuiti per sostenere la maternità

Il Comune di Pescara a sostegno della maternità garantendo servizi gratuiti alle famiglie in difficoltà, grazie all’avvio di un nuovo progetto promosso dal Centro di aiuto alla vita (Cav) che a partire dal mese di settembre, e fino al prossimo dicembre, supporterà circa 20 famiglie rientrate nella programmazione a cura dell’associazione.

“Si tratta di una iniziativa importante, tanti sono stati i risultati positivi ottenuti grazie alla collaborazione con il Cav e abbiamo riscontrato numerose storie positive -  queste le parole dell’assessore comunale alle Politiche sociali Antonella Allegrino (nella foto d'apertura, mentre interviene alla presentazione) - Come Comune supportiamo questo progetto che entra nell’Asse tematico 4 del Piano sociale, che ha come obiettivo il sostegno alla famiglia, un obiettivo che è fra le nostre priorità: da qualche mese è operativo il nostro Centro servizi famiglia per offrire un supporto economico, psicologico e informativo ai nuclei che ne hanno bisogno; stiamo inoltre portando avanti le attività legate al Reddito di Inclusione (Rei) che aiutano persone e nuclei in difficoltà a ritrovare una dimensione vitale. Oggi presentiamo un progetto che trova capienza nel bilancio di previsione 2018 a cui abbiamo destinato circa 15mila euro. Tutte le iniziative specifiche che stiamo portando avanti vanno verso il sostegno alla famiglia, la paternità e la maternità. Vantiamo anche il progetto 'Benvenuti ai nuovi nati' che ogni mese ci vede accogliere con un simbolico benvenuto i neocittadini, invitando le famiglie ad una cerimonia per raccontare loro i servizi offerti dal Comune e promuovere un momento pubblico informativo che accorcia le distanze fra l’Ente e la comunità”.

Patrizia Ciaburro, presidente di Federvita Abruzzo (prima da sinistra, nella foto d'apertura), ha ringraziato la Allegrino "per le sue parole e soprattutto per le sue convinzioni – così e per gli sforzi di concretizzare aiuti concreti alle famiglie, come col 'Centro servizi famiglia' un’ottima iniziativa. Con questo nuovo servizio vogliamo offrire sicurezza ai cittadini in difficoltà e non farli sentire abbandonati. Una donna che ha una difficoltà specifica può rivolgersi al nostro centro, assistiamo problematiche che riguardano la maternità e la paternità. Ringrazio Il Comune nella sua totalità per aver ha abbracciato questo progetto”.

 Alla presentazione di ieri a palazzo di città ha partecipato anche Vincenzo D’Incecco (secondo da destra, nella foto d'apertura) consigliere comunale e provinciale di Pescara di opposizione (ex Forza Italia, come molti passato alla Lega), che ha detto di essere “orgoglioso di essere qui a partecipare alla nascita di questo progetto di cui sono stato uno dei primi firmatari. Sono contento perché i temi dell’aiuto alla vita, alla maternità e alla paternità sono fondamentali. Si tratta di temi delicati che l’Amministrazione sostiene attraverso fondi di bilancio. Aiuteremo grazie al Cav le famiglie contrastando le difficoltà che attanagliano questo Paese”.

Federico Ciaburro, psicologo psicoterapeuta del progetto (secondo da sinistra, nella foto d'apertura), ha ringraziato pure lui la Allegrino: "Sono psicoterapeuta - ha spiegato - e aiuto le persone in momenti di criticità, abbiamo pensato di presentare un progetto che oltre a offrire un aiuto concreto alle famiglie, potesse dare qualcosa in più ai genitori per superare i momenti critici, i traumi e i problemi grazie all’aiuto dello psicologo e psicoterapeuta. Sarà possibile usufruire del servizio dell’educatore a domicilio, disponibile ad aiutare la famiglia nella propria residenza, oltre che partecipare a gruppi di auto mutuo aiuto per far si che le persone possano risolvere problemi attraverso il confronto con gli altri. L’obiettivo è incentivare le persone ad affrontare meglio i propri momenti di difficoltà. Questi servizi hanno un costo e saranno tutti supportati dal Comune di Pescara per aiutare i cittadini”. 

Maria Gina Fratalocchi (prima da destra, nella foto d'apertura), presidente del Movimento della Vita“Un ringraziamento particolare va alle istituzioni, al sindaco e all’assessorato. Sostenere la maternità e la vita nascente è il primo dovere di una società che, affinché abbia un futuro deve , appunto, partire dalla vita nascente. L’attenzione delle istituzioni la ritengo basilare”.

Infine, Tiziana Di Giampietro, presidente della Commissione Pari opportunità del Consiglio comunale pescarese (nella foto d'archivio qui a fianco, è a destra con la Allegrino): “Sostenere la famiglia è il modo più efficace per costruire un futuro a chi ne fa parte. Nel corso degli anni, abbiamo sostenuto numerosi progetti a favore dei bambini e per stabilire un contatto diretto tra il Comune e la cittadinanza e Pescara è poi l’unica città in Abruzzo ad avere una convenzione con il Centro Antiviolenza Ananke per sostenere le donne vittime di violenza, attraverso il rispetto della vita diamo il primo esempio ai cittadini di domani”.

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=