Boeri (Inps): 'Reddito d'Inclusione svolta epocale'. Online modulo domanda

Il Reddito di inclusione (Rei) per i poveri "è una svolta epocale ma è solo un primo passo: bisogna impegnarsi in Italia per aumentare la dotazione delle risorse per contrastare la povertà e questo è anche un monito per quei partiti e quei sindacati che chiedono ancora più risorse per le pensioni, quando già nella legislazione vigente siamo destinati a superare il 18% di spesa pensionistica sul Pil, e non sembrano tanto preoccuparsi di potenziare le misure per contrastare la povertà". Lo ha dichiarato il presidente dell'Inps, Tito Boeri, nel corso dell'anno presentazione a Milano del Rei. "La battaglia è aumentare le risorse disponibili contro la povertà", ha proseguito.

L'Inps ha spiegato che il Rei, che sostituisce Sia e Asdi, "un beneficio economico e di una componente di servizi alla persona, identificata nel progetto personalizzato, a seguito di una valutazione multidimensionale del bisogno del nucleo familiare o, nelle ipotesi in cui la situazione di povertà è esclusivamente connessa alla situazione lavorativa, dal patto di servizio, ovvero dal programma di ricerca intensiva di occupazione".
Il beneficio massimo è pari a 485,41 euro al mese. Possono accedere al Rei le famiglie con "un componente di età minore di anni 18; una persona con disabilità e di almeno un suo genitore, ovvero di un suo tutore; una donna in stato di gravidanza accertata; almeno un lavoratore di età pari o superiore a 55 anni, che si trovi in stato di disoccupazione per licenziamento, anche collettivo, dimissioni per giusta causa o risoluzione consensuale".

L'Inps ha pubblicato online il modulo per l'istanza di richiesta del Rei, da protocollare al Comune di residenza a partire dal 1° dicembre prossimo.

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=