Germania smentisce ospite Netanyahu: "Fu Hitler a voler sterminare gli ebrei"

Berlino ha ribadito la responsabilità della Germania nella Shoah dopo le sorprendenti dichiarazioni del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu secondo le quali fu Haj Amin al-Husseini, mufti di Gerusalemme dell'epoca a dare l'idea ad Adolf Hitler di sterminare gli ebrei d'Europa. "Posso dire a nome del governo che, noi tedeschi, conosciamo in maniera molto precisa la storia dell'avvento della sanguinosa follia razzista dei nazional-socialisti che ha portato alla Shoah", ha sottolineato in una conferenza stampa Steffen Seibert, portavoce della cancelliera Angela Merkel. "Non vedo nessuna ragione di cambiare la nostra visione della storia. Sappiamo che la responsabilità tedesca per questo crimine contro l'umanità é coerente", ha aggiunto rifiutando di commentare direttamente le dichiarazioni di Netanyahu. 

In un discorso pronunciato due giorni fa davanti al Congresso sionista a Gerusalemme, Netanyahu aveva, infatti, fatto riferimento ad un incontro avvenuto nel novembre del 1941 in Germania fra Hitler e il mufti di Gerusalemme, alto dirigente palestinese nella Palestina, allora sotto mandato britannico. "Hitler, in quel momento, non voleva sterminare gli ebrei ma espellerli. Allora Al Husseini è andato da lui e gli ha detto: 'Se li espellete, verranno tutti qui", in Palestina" - aveva affermato Netanyahu - 'E che me ne farò?', ha chiesto Hitler. Il mufti gli ha risposto: 'Bruciateli", aveva concluso il premier israeliano. Al Husseini, rifugiatosi poi in Germania nel 1941, aveva chiesto a Hitler il suo appoggio per l'indipendenza della Palestina e dei Paesi arabi e impedire la creazione di un focolaio ebraico.

Netanyahu - proprio oggi è a Berlino per una serie di incontri bilaterali con la Merkel e il segretario di Stato americano John Kerry sulla ripresa delle ostilità fra israeliani e palestinesi - ha dovuto rettificare la sua clamorosa dichiarazione: "Hitler è responsabile per l'Olocausto, nessuno dovrebbe negarlo - ha dichiarato con a fianco la Merkel (foto) - E io penso che la responsabilità di Hitler e del nazismo per lo sterminio di sei milioni di ebrei sia chiara per le persone giuste".  La cancelliera tedesca ha detto: "Posso dire che tutti i tedeschi conoscono molto precisamente la storia del fanatismo razziale omicida del partito nazionalsocialista che ha portato a quella rottura con la civiltà che è stata la Shoah. Questo viene insegnato nelle scuole tedesche per una buona ragione: non si deve mai dimenticare. E non vedo alcuna ragione che dovrebbe cambiare la nostra visione della storia in qualche modo".

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=