Inquilini morosi incolpevolmente: fondi disponibili anche a Pescara

Il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, con il Decreto 202 del 14 maggio 2014 ha provveduto a conferire alle Regioni, risorse a valere sul “Fondo destinato a inquilini morosi incolpevoli”La Regione Abruzzo, con proprie Delibere di Giunta, la 249 e la 662 del 2015, ha disciplinato il riparto delle somme stanziate tra i Comuni beneficiari. Giuliano Diodati (foto a destra), assessore comunale alle Politiche sociali di Pescara, fa sapere che alla città di Pescara è stata destinata la somma complessiva di 35.617,91 euro con bando pubblicato ieri 28 luglio “per l’erogazione di contributi a sostegno di cittadini morosi incolpevoli”, finalizzato a consentire l’accesso alla fruizione di un contributo massimo concedibile pari a 1500 euro.

"L’azione vuole essere una misura di sostegno per coloro che, per sopravvenuta impossibilità a provvedere al pagamento del canone locativo, a ragione della perdita del lavoro oppure alla consistente riduzione della capacità reddituale, si sono ritrovati in un contesto di 'morosità incolpevole' - spiega Diodati - ovvero in una delle seguenti condizioni attestate dagli specifici atti di indirizzo regionali: a) perdita del lavoro per licenziamento; b) accordi aziendali o sindacali con consistente riduzione dell’orario di lavoro; c) cassa integrazione ordinaria o straordinaria che limiti notevolmente la capacità reddituale; d) mancato rinnovo di contratti a termine o di lavoro atipici; e) cessazione di attività libero-professionali o di imprese registrate, derivanti da cause di forza maggiore o da perdita di avviamento in misura consistente; f) malattia grave, infortunio di un componente del nucleo familiare che abbia comportato una consistente riduzione del reddito complessivo del nucleo medesimo oppure la necessità dell’impiego di una parte notevole del reddito per fronteggiare rilevanti spese mediche e assistenziali. 

I destinatari del contributo saranno i cittadini che versano in una delle seguenti condizioni: a) inquilini nei cui confronti sia stato emesso un provvedimento di rilascio per morosità incolpevole, che sottoscrivano con il proprietario dell’alloggio un nuovo contratto di locazione a canone concordato; b) inquilini la cui ridotta capacità economica non consenta il versamento di un deposito cauzionale per stipulare un nuovo contratto di locazione. In tal caso il Comune prevede le modalità per assicurare che il contributo sia versato contestualmente alla consegna dell’immobile; c) inquilini, al fine del ristoro parziale, del proprietario dell’alloggio, che dimostrino la disponibilità di quest’ultimo, a consentire il differimento dell’esecuzione del provvedimento di rilascio dell’immobile. Sarà pertanto possibile presentare istanza di accesso al contributo in parola, entro il termine perentorio di 20 giorni dal 28 luglio 2015, adottando l’apposita modulistica scaricabile sul sito web del Comune di Pescara. Per gli altri comuni italiani vedere i siti web, che normalmente hanno il dominio www.comune.nome.it nel caso dei capoluoghi, con l'aggiunta della sigla dell provincia da aggiungere fra il nome e il .it (per esempio: www.comune.molfetta.ba.it).

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=