Oltre 3000 "ultimi" assistiti gratis dai 700 legali della onlus "Avvocato di strada"

Sono state 3231 le persone assistite gratuitamente in tutta Italia nel 2014 dalla onlus "Avvocato di strada". L'associazione, con sede principale a Bologna e sportelli in 39 città italiane, è attiva con oltre 700 avvocati che prestano gratuitamente l'assistenza legale a poveri, senza fissa dimora ed extracomunitari clandestini. "Oltre due milioni e 200mila euro è il valore del lavoro legale messo gratuitamente a disposizione degli ultimi", fa sapere la onlus legale che nei giorni scorsi ha illustrato il proprio bilancio sociale. "In una pagina memorabile del libro ‘L’avvocato di strada’, il protagonista ideato da John Grisham dice 'Prima di tutto sono un essere umano. Poi un avvocato. E’ possibile essere entrambe le cose'. I numeri da noi presentati lo confermano”, ha detto Antonio Mumolo (foto sotto), presidente nazionale dell’Associazione e consigliere regionale del Pd in Emilia Romagna. Ricorsi contro i fogli di via, problematiche familiari, sfratti, lavoro, sanzioni contro la povertà: rispetto all’anno 2013 - quando le pratiche sono state 2718 - s'è verificata una crescita generale delle attività in tre aree giuridiche. In un anno le pratiche di diritto civile sono passate da 1263 a 1502, le pratiche di diritto dei migranti da 829 a 1100, le pratiche di diritto penale da 296 a 421. Le pratiche di diritto amministrativo invece sono passate da 330 a 296. Il 59% dei nostri assistiti è stato di provenienza extra Ue, il 29% italiani, il 12% cittadini Ue. Gli uomini sono stati 2392 (74%), le donne 839 (26%).

“Tra le pratiche di diritto civile - sottolinea Mumolo - le tre voci più considerevoli riguardano il diritto alla residenza, il diritto del lavoro e gli sfratti. Nessuna sorpresa per quanto riguarda il problema della residenza, una delle storiche battaglie della nostra associazione. Da questo requisito, che viene perduto in poco tempo dalla quasi totalità delle persone che vivono in strada, discendono fondamentali garanzie quali il diritto alla salute, al lavoro, all’assistenza sociale e previdenziale. Negli ultimi 12 mesi s'è registrato un grande aumento delle pratiche relative ai permessi di soggiorno, passate dalle 313 del 2013 alle ben 591 del 2014. Incidono su questa crescita vari fattori tra i quali le aperture delle nuove sedi in territori come Andria e Cerignola (Foggia), dove la quasi totalità dei nostri assistiti è rappresentata da persone straniere e senza permesso di soggiorno. Come negli anni passati, le problematiche penali trattate dai legali di 'Avvocato di strada' sono un numero inferiore a quello delle pratiche di diritto civile o del diritto dei migranti: un dato che desta sempre sorpresa e che smentisce il pregiudizio secondo il quale chi vive in strada sarebbe spesso autore di reati. E’ vero invece il contrario: chi vive in strada è spesso vittima di aggressioni perché è debole e indifeso e anche perché considerato 'colpevole' di essere povero. Ben 99 persone nel 2014 hanno avuto bisogno di una tutela legale perché sono state aggredite, minacciate e derubate mentre dormivano in strada. Desta preoccupazione il fatto che questo numero è in netta crescita rispetto allo scorso anno: dal 2013 (45 pratiche) i dati sono più che raddoppiati. Rispetto allo scorso anno - prosegueMumolo - è molto cresciuto il numero di quelli che noi chiamiamo 'reati per fame', come i piccoli furti al supermercato: erano stati 35 nel 2013, sono stati ben 64 nel 2014". Nel rapporto presentato, "oltre alla descrizione delle nostre attività legali vengono elencate alcune delle principali iniziative realizzate, dei convegni che abbiamo promosso o che ci hanno visti protagonisti - conclude il presidente - Per la prima volta, inoltre, quest’anno abbiamo pubblicato il rendiconto economico delle nostre attività. La pubblicazione, consultabile nel nostro sito diventa quindi il nostro 'bilancio sociale', e rappresenta, anche attraverso numeri e dati, il nostro piccolo contributo alla costruzione di una società più giusta, in cui tutte le persone siano davvero uguali davanti alla legge e tutti i diritti siano ugualmente tutelati”.

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=