Grillo e Renzi sottoscrivono patto a difesa scienza di Burioni

"Oggi è successa una cosa molto importante: Beppe Grillo e Matteo Renzi hanno sottoscritto (insieme a molti altri), un patto a difesa della scienza". Lo annuncia Roberto Burioni su Twitter riportando la notizia sul suo sito web "Medical facts". Burioni è il medico "pro vax" (pro-vaccini) spesso oggetto di critiche da parte del Movimento 5 stelle per le sue posizioni a difesa della medicina e dei vaccini racconta: "Perché ci si può dividere su tutto - prosegue l'allergologo e immunologo marchigiano, (nella foto qui sotto a destra), docente all'Università "Vita salute" del San Raffaele di Milano - ma una base comune deve esserci. La scienza deve fare parte di questa base. Perché non ascoltare la scienza significa non solo oscurantismo e superstizione, ma anche dolore, sofferenza e morte di esseri umani. 

"Ha detto Albert Einstein che la 'scienza, al confronto con la realtà, è primitiva e infantile. Eppure è la cosa più preziosa che abbiamo'. Oggi sono molto contento, perché due persone rivali e distanti sono d`accordo sul fatto che non possiamo permetterci di buttarla via".
L'appello è stato sottoscritto anche da altre personalità come il giornalista Enrico Mentana, l'immunologo e docente in Usa Guido Silvestri, e Wilhelmine Schett, per tutti "Mina", la vedova di Piergiorgio Welby, co-presidente dell'Associazione "Luca Coscioni". L'appello chiede "a tutte le forze politiche italiane di sottoscrivere un 'Patto trasversale per la scienza' e s`impegnino formalmente a rispettarlo, nel riconoscimento che il progresso della scienza è un valore universale dell`umanità, che non può essere negato o distorto per fini politici o elettorali". 

Il Patto prevede che: 1) Tutte le forze politiche italiane s`impegnano a sostenere la scienza come valore universale di progresso dell`umanità, che non ha alcun colore politico, e che ha lo scopo di aumentare la conoscenza umana e migliorare la qualità di vita dei nostri simili. 2) Nessuna forza politica italiana si presta a sostenere o tollerare in alcun modo forme di pseudoscienza o di pseudomedicina che mettono a repentaglio la salute pubblica come il negazionismo dell`Aids, l`anti-vaccinismo, le terapie non basate sulle prove scientifiche, etc. 3) Tutte le forze politiche italiane s`impegnano a governare e legiferare in modo tale da fermare l`operato di quegli pseudoscienziati, che, con affermazioni non-dimostrate e allarmiste, creano paure ingiustificate tra la popolazione nei confronti di presidi terapeutici validati dall`evidenza scientifica e medica. 4) Tutte le forze politiche italiane s`impegnano a implementare programmi capillari d`informazione sulla scienza per la popolazione, a partire dalla scuola dell`obbligo, e coinvolgendo media, divulgatori, comunicatori, e ogni categoria di professionisti della ricerca e della sanità. 5) Tutte le forze politiche italiane s`impegnano affinché si assicurino alla scienza adeguati finanziamenti pubblici, a partire da un immediato raddoppio dei fondi ministeriali per la ricerca biomedica di base.

 

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=