Brasile, deputato gay Wyllys rinuncia a mandato dopo minacce da estrema destra

Jean Wyllys, un deputato omosessuale del Parlamento brasiliano, ha annunciato che rinuncia al suo terzo mandato e lascerà il Paese sudamericano in seguito alla numerose minacce ricevute dopo l'elezione del presidente del Brasile, il politico di estrema destra Jair Bolsonaro. Wyllys (nella foto), 44 anni, giornalista e docente universitario, deputato del Partito socialismo e libertà (Psol), che s'è molto battuto per i diritti delle persone Lgbt, ha scritto su Twitter "tutelare una vita minacciata è una strategia di lotta in vista di giorni migliori. Abbiamo fatto molto per il bene comune e faremo di più quando verranno giorni migliori".
Wyllys ha 44 anni. La sua assistente ha confermato alla agenzia di stampa France Presse la notizia. Il mandato avrebbe dovuto cominciare il primo febbraio. Wyllys ha lasciato il Brasile con l'intenzione per ora di vivere fuori dal Paese. In una intervista rilasciata al quotidiano "Folha de Sao Paulo", Wyllys spiega che "non è stata l'elezione di Bolsonaro in sé" a spingerlo alla decisione, ma "il livello di violenza che è aumentato dopo l'elezione", ha detto citando la moltiplicazione delle aggressioni e degli omicidi delle persone Lgbt.

Bolsonaro ha commentato su Twitter: "Oggi è un grande giorno", mentre il figlio Carlos Bolsonaro ha scritto: "Vai con Dio e sii felice!". Padre e figlio hanno comunque smentito che si riferissero a Wyllys.

 

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=