Usa, Pelosi guida carica deputate dem che esprimono minoranze

La democratica Nancy Pelosi è stata rieletta "speaker" (presidente) della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti: un posto che già occupò dal 2007 al 2010 e che la conferma ora alla terza carica dello Stato, la donna più potente negli Stati Uniti. Alla Camera, è arrivata emozionata vestita di rosa acceso tenendo per mano tre dei suoi otto nipotini.
Cattolica, italo-americana, la Pelosi è una ricca signora di 79 anni, sposata col miliardario coetanep Paul Pelosi, conosciuto all'università, dal quale ha preso il cognome (Nancy è nata D'Alesandro, dal nonno abruzzese Tommaso D'Alessandro).
"Entriamo in questo nuovo Congresso con speranza e fiducia" ha detto la Pelosi ricordando che si celebra il centenario del voto alle donne, e che adesso ce ne sono più di cento alla Camera dei rappresentanti: è un momento storico, anche perché molte deputate democratiche rappresentano per la prima volta minoranze etniche e religiose, con buona pace del presidente repubblicano Donald Trump che invece, voleva cacciare dal Paese anche i figli laureati degli immigrati irregolari (i "dreamers"). 

A fare la storia c'è la giovane guardia progressista del partito piena di "socialisti democratici" che vengono anche da classi basse degli States. Anche le "nuove donne" sono arrivate al primo giorno in Congresso in un tripudio di abiti di fogge e colori: un vero grido di battaglia ha scritto il quotidiano della Capitale "The Washington Post".

Come l'ormai celebre Alexandria Ocasio-Cortez (prima a destra nelle foto a fianco), figlia di portoricani ed ex cameriera, arrivata al Congresso in tailleur pantalone bianco neve con alti tacchi neri; coi suoi 29 anni è anche la più giovane delle elette. Come la musulmana somala Ilhan Omar (nella foto a destra), elegantissima anche lei in bianco e copricapo rosso e giallo, prima eletta della sua fede assieme all'altra islamica palestinese Rashida Tlaib dal Michigan (prima sinistra nelle foto a fianco) che è arrivata vestendo un "thobe", l'abito tradizionale della sua terra d'origine, coperto di ricami. I loro sostenitori si sono assembrati pieni di orgoglio davanti alle targhe nuove fiammanti dei loro uffici in Campidoglio. O come le prime due native americane, Sharice Davids eletta in Kansas e Deb Haaland (al centro, nelle foto a fianco) nel Nuovo Messico. E poi tanti altri, eletti ed elette, le nuove leve democratiche disegnano un'America molto diversa da quella degli eletti repubblicani, in prevalenza ancora maschi e bianchi. La Pelosi (nella foto d'apertura è la terza da sinistra in seconda fila, con tutte le colleghe di partito), grande stratega, non sarà amata da tutti, ma è la persona giusta per insegnare come si combattono le battaglie parlamentari.

 

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=