Perù propone al 'Gruppo di Lima' di rompere rapporti diplomatici con Venezuela

Il Perù ha annunciato che intende proporre ai paesi del cosiddetto "Gruppo di Lima" di rompere i rapporti diplomatici col Venezuela e di vietare l'ingresso a tutti i più alti esponenti del governo del presidente Nicolas Maduro. La proposta verrà discussa il prossimo 19 dicembre al vertice in programma a Bogotà (Colombia) dei 14 stati membri del gruppo, che si sono già rifiutati di riconoscere il risultato delle elezioni che si sono tenute in Venezuela lo scorso maggio, quando Maduro ha ottenuto un nuovo mandato di sei anni.
"La conseguenza naturale - ha detto alla stampa il ministro degli Esteri peruviano, Nestor Popolizio - è di proporre, come una delle azioni da adottare, la rottura dei rapporti diplomatici con il Venezuela". Lo scopo di tali misure, ha aggiunto Popolizio (nella foto d'apertura, è a sinistra col presidente della Repubblica Martin Vizcarra), è di mettere sotto pressione "la dittatura di Maduro" in vista del suo giuramento, in programma il prossimo 10 gennaio.
Il "Gruppo di Lima" è stato creato nell'agosto 2017, su iniziativa del Perù, in risposta alla crisi in Venezuela e comprende Argentina, Brasile, Canada, Cile, Colombia, Costa Rica, Guatemala, Guyana, Honduras, Messico, Panama, Paraguay, Perù e Saint Lucia.

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=