Maduro a Mosca, Cremlino: con Putin discuterà di aiuti a Venezuela

Il presidente russo Vladimir Putin e il suo omologo venezuelano Nicolas Maduro discuteranno dell'assistenza finanziaria russa per la crisi economica che ha colpito il Venezuela durante il loro incontro, che si terrà in giornata, ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

"Come sapete - ha detto Peskov - la situazione economica (in Venezuela) rimane difficile, mentre alcune indicazioni di miglioramento sono registrate, anche se sono piuttosto modeste. In questo contesto, l'assistenza di cui il governo venezuelano ha bisogno, sarà discussa" all'incontro Putin-Maduro, secondo l'agenzia di stampa russa "Ria Novosti". Peskov ha aggiunto che l'importo esatto dell'assistenza finanziaria è attualmente sconosciuto. "Aspettiamo i colloqui", disse Peskov. Il Venezuela è già indebitato con la Russia (e non solo).
Rieletto a maggio in elezioni i cui risultati non sono riconosciuti  da gran parte della comunità internazionale, Maduro deve iniziare il suo secondo mandato il 10 gennaio.

L'erede dell'ex presidente Hugo Chavez (1999-2013) sta affrontando forti pressioni da parte degli Stati Uniti che lo definiscono un "dittatore", come l'opposizione interna al Paese sudamericano, fra cui molti leader politici costretti all'esilio quando non si trovano in carcere.
Il presidente chavista cerca così sostegno dai suoi alleati poco più di un mese dall'inizio del suo secondo mandato, quando affronta il rifiuto di gran parte della comunità internazionale. Maduro ha annunciato lunedì che sarebbe andato a Mosca per "una necessaria visita di lavoro" che, assicura, "concluderà brillantemente l'anno 2018 per quanto riguarda i rapporti strategici che il Venezuela sta costruendo con il mondo".
La situazione economica del Venezuela vede un'inflazione dell'1.350.000% secondo il Fondo monetario internazionale, ed è molto complicata nonostante le riserve petrolifere del Paese. Il contante non circola quasi nonostante si continui a stampare banconote con tre zeri di meno (è già successo due volte) e le transazioni sono fatte quasi esclusivamente con moneta elettronica: per portare i contanti più che i portafogli ci vorrebbero le valigie (o le carriole, come nella famosa vignetta venezuelana a destra).

 

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=