Brasile: solo 'pressioni diplomatiche' su Venezuela per elezioni

Il nuovo governo brasiliano eserciterà solo delle "pressioni diplomatiche" contro il Venezuela, chiedendo la fine del "puerile antiamericanismo" in America latina: lo ha affermato il neo vicepresidente brasiliano, il generale della riserva Hamilton Mourao (nella foto).

"Questo gruppo chavista è al potere dal 1998: sono vent'anni, ma stanno per arrivare alla fine" ha avvertito Mourao, che ha escluso sanzioni commerciali nei confronti di Caracas parlando tuttavia di "pressioni diplomatiche" per lo svolgimento di "elezioni normali" , che naturalmente il presidente venezuelano Nicolas Maduro non farà per i prossimi cinque anni perché le ha appena fatte e, a suo dire, "democratiche", pur se non riconosciute dal mondo occidentale (e non solo). Mourao ha inoltre definito "moribonda e praticamente fallita" Unasur, l'Unione dei paesi sudamericani, creata nel 2008 su iniziativa dello stesso Brasile e del Venezuela, mossa a suo dire da "un antiamericanismo puerile che non porta ad alcun risultato".

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=