Venezuela, sanzioni bis di Ue per 11 chavisti fra cui vicepresidente Rodriguez

La neo vicepresidente del Venezuela, Delcy Rodriguez, figura tra gli 11 responsabili colpiti da sanzioni dell'Unione europea per irregolarità nella rielezione del presidente Nicolas Maduro. Lo ha annunciato la stessa Ue. "Le persone elencate sono responsabili di violazioni di diritti umani e per aver messo a repentaglio la democrazia e lo stato di diritto in Venezuela. I provvedimenti comprendono il divieto di viaggi e il blocco dei beni", ha spiegato l'Ue, dopo che i ministri degli Esteri dei 28 Paesi aderenti all'Unione hanno appoggiato l'iniziativa nel corso di un incontro in Lussemburgo.

Oltre alla Rodriguez, sono stati sanzionati: l'ex vicepresidente Tareck El Aissami, che da pochi giorni è ministro dell'Industria e Produzione nazionale; Sergio José Rivero, sovrintendente generale delle Forze armate; Jesus Rafael Suarez, comandante generale dell’Esercito bolivariano; Ivan Hernandez, capo della Direzione generale di Contro–intelligence militare; Elías José Jaua Milano, ministro italo-venezuelano del Potere popolare per l’Istruzione; Sandra Oblitas, vicepresidente del Consiglio nazionale elettorale (sanzionata anche dagli Stati Uniti); Freddy Alirio Bernal, direttore del Centro nazionale di Comando e Controllo dei Comitati di rifornimento e produzione; Katherine Nayarith Harrington, viceprocuratore generale; Socorro Elizabeth Hernández, anche lei membro del Cne e Xavier Antonio Moreno, segretario generale del Cne.

Nella foto, la Rodriguez - avvocato, laureata a Caracas e diplomata in Diritto sociale alla Sorbona di Parigi (Francia) - ricevuta a Bruxelles dalla commissaria agli Esteri e Sicurezza Federica Mogherini (italiana), quando l'attuale vice di Nicolas Maduro era ministra degli Esteri.

 

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=