Venezuela, presidenziali rinviate a maggio. Opposizione chiede osservatori

Le elezioni presidenziali in Venezuela, che avrebbero dovuto tenersi il 22 aprile, sono state rinviate alla seconda metà di maggio. Il presidente Nicolas Maduro si candida per un secondo mandato di sei anni. Ancora non è certa la partecipazione alle elezioni dell'opposizione del Venezuela che esige che il processo elettorale sia libero e trasparente. "Non si può far conto sul partito di unità democratica né sul popolo per validare ciò che finora è stato solo un simulacro fraudolento e illegittimo di elezioni presidenziali", aveva spiegato la Mud, la coalizione dell'opposizione. Fra le prime richieste poste dagli avversari di Maduro (nella foto a destra, a fianco all'ultimo sfidante di cinque anni fa, Henrique Capriles) figurano la presenza di osservatori internazionali "indipendenti", la tenuta dello scrutinio nel secondo semestre del 2018 e la nomina di una Commissione elettorale "equilibrata", il voto dei venezuelani all'estero e un equo accesso ai media.

La Commissione elettorale nazionale ha annunciato il rinvio con un comunicato nel quale però non ha precisato la data né le ragioni del rinvio.

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=