Venezuela, arcivescovo di Caracas: elezioni siano eque, no favoritismi

Un appello al governo venezuelano affinché intervenga al più presto al fine di trovare misure efficaci contro l`impoverimento del Paese è stato lanciato dall`arcivescovo di Caracas Jorge Urosa SavinoSecondo alcuni dati pubblicati di recente dall`Osservatorio della Caritas, in Venezuela l`82% della popolazione è in stato di povertà, il 52% in indigenza estrema. Situazione precipitata col presidente Nicolas Maduro al potere. Sono oltre 11mila i bambini morti nel 2016 per mancanza di medicinali e vaccini e la mortalità materna è aumentata quasi del 70%. Nel Paese sudamericano in preda a una crisi senza precedenti, c`è sempre più bisogno di risposte che non siano violenza e repressione, soprattutto nei confronti dei più giovani, ragazzi che non hanno da mangiare, né possono acquistare farmaci (le farmacie sono vuote e saccheggiate, come quella di Maracay, nel video sotto a destra) e altri generi di prima necessità. Per questo Urosa Savino in un`intervista rilasciata all`emittente radiofonica Union Radio e rilanciata dal quotidiano vaticano "L'Osservatore Romano" ha sollecitato il governo chavista a risolvere "l`emergenza sociale" (che coinvolge anche il sistema dei trasporti pubblici), le cui componenti principali si chiamano "fame, scarsità di generi alimentari e altri prodotti". Basterebbe che il governo riconoscesse l'emergenza umanitaria  (lo fece anche Cuba negli anni 90) e si lasciasse aiutare dalle ong e nazioni estere. L'invio di medicine è comunque possibile grazie al Programa de auyda humanitaria e organizzazioni come Ali e Fondazione Abruzzo Solidale finanziate anche dalla Regione Abruzzo.

Urosa Savino (nella foto d'apertura, insieme al defunto presidente Hugo Chavez, fondatore del chavismo) ha chiesto di garantire elezioni presidenziali corrette (al riguardo il porporato ha espresso soddisfazione per la decisione di Maduro di indire per quest`anno le elezioni). L`arcivescovo di Caracas ha auspicato "elezioni trasparenti e che non vi siano dubbi sulla legittimità dei risultati". E ha chiesto che i candidati abbiano "condizioni eque" e non vi siano favoritismi. Il porporato ha ricordato che i negoziati in corso nella Repubblica Dominicana tra governo e opposizione hanno proprio l`obiettivo di giungere alle elezioni in condizioni di massima trasparenza. L`11 e 12 gennaio sono previsti ulteriori incontri a Santo Domingo e trapela ottimismo per il raggiungimento di un accordo. Nel frattempo continua senza sosta il sostegno di Caritas Venezuela alla popolazione in difficoltà. In particolare è attiva nella distribuzione di acqua e prodotti igienico-sanitari e ha avviato progetti nell`ambito della sicurezza alimentare e della nutrizione, della salute, della costruzione della pace e della formazione.

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=