Venezuela, 'accordo di principio' per sanzioni Ue contro Caracas

I 28 Stati membri dell'Unione europea hanno dato il loro "accordo di principio" all'adozione di sanzioni contro il governo del presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, in risposta alla repressione usata dall'esecutivo nei confronti dell'opposizione. E' quanto si è appreso da fonti europee. "C'è un accordo di principio sul fatto che dobbiamo andare avanti - ha detto una fonte europea all'agenzia di stampa France Presse. - Non c'è più un blocco", ha aggiunto, facendo riferimento alla riluttanza registrata finora in alcune capitali europee rispetto alle ripetute richieste da parte di Madrid (Spagna) di rafforzare la pressione su Caracas. Una seconda fonte europea ha precisato che le sanzioni fanno ormai parte delle "opzioni sul tavolo".

Lo scorso agosto, Madrid aveva sollecitato i partner dell'Ue a imporre sanzioni contro "i responsabili dell'attuale situazione", stando alle parole del ministro degli Esteri Alfonso Dastis (nella foto d'apertura col premier Mariano Rajoy). Anche il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, ha chiesto sanzioni contro "i membri del governo venezuelano, compreso Maduro e il suo entourage", un congelamento dei loro beni e il divieto di viaggiare nell'Ue. Un gruppo di lavoro, composto dai rappresentanti dei 28 Stati membri dell'Ue, dovrebbe "finalizzare la portata" del regime di sanzioni in una riunione prevista per il 17 ottobre. L'Ue vuole prima vedere come si svolgeranno le elezioni regionali in programma in Venezuela il 15 ottobreIn questa fase, gli europei stanno valutando di aggiungere personalità politiche o alti funzionari della sicurezza sulla loro "lista nera", che vorrebbe dire congelamento dei loro beni all'interno dell'Ue e divieto di ingresso nel territorio europeo. Ma potrebbero anche lanciare un "primo avvertimento" attraverso l'adozione del quadro giuridico per le sanzioni, senza prendere di mira nessuno, secondo una fonte europea.

Gli Stati Uniti hanno imposto a fine luglio sanzioni contro Maduro, definito "dittatore", quali il congelamento dei beni e il divieto ai cittadini americani di fare affari con lui. Il 25 agosto, la Casa Bianca ha imposto nuove sanzioni finanziarie contro Caracas, tra cui il divieto di acquisto di nuove obbligazioni emesse dal governo venezuelano o dalla società petrolifera nazionale Pdvsa.

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=