Venezuela, Maduro minaccia Borges dopo tour in Ue

Il capo dello Stato venezuelano Nicolas Maduro ha minacciato ieri Julio Borges, il presidente del Parlamento sciolto dal regime chavista dopo l'insediamento dell'Assemblea costituente, di "alto tradimento della patria" dopo il suo tour in alcuni Paesi europei.

"Non m'interessa quello che dice Angela Merkel (la cancelliera tedesca, ndr) o la Regina d'Inghilterra, al Venezuela serve giustizia e lo Stato non è guidato da Londra né da Madrid né da Washington. Facciano ciò che vogliono, ma in Venezuela ci vuole una giustizia severa", ha detto Maduro ai membri dell'Assemblea costituenteCriticando il tour di Borges (nella foto d'apertura è a destra mentre stringe la mano a Maduro alcuni anni fa) in Francia, Spagna, Germania e Regno unito, il presidente venezuelano ha chiesto che il leader dell'opposizione sia processato per "tradimento della patria", un crimine punito con una pena da 20 a 30 anni di prigione.
"Qui nessuno è intoccabile, che gli imperialisti del Nord (gli Stati Uniti, ndr) e l'Europa lo sappiano. Sto aspettando una risposta dal sistema giudiziario per la pace, la sovranità e non l'impunità", ha aggiunto Maduro, sempre più nervoso per l'isolamento internazionale che ha provocato al suo Paese, in preda a una crisi economica (oltre che politica) senza precedenti nella sua storia.

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=