Venezuela, Borges incontra Macron, Merkel, Rajoy e May e dimentica Gentiloni

Julio Borges, presidente del Parlamento venezuelano - unico organo di Stato controllato dall'opposizione al presidente chavista Nicolas Maduro (che di fatto l'ha esautorato e sostituito con l'Assemblea costituente, dichiarando formalmente l'avvio della dittatura nel Paese sudamericano) - ha annunciato che incontrerà "nei prossimi giorni" il presidente francese Emmanuel Macron oltre ai capi di governo tedesco, spagnolo e britannico Angela Merkel, Mariano Rajoy e Theresa May.
"Nel corso dei prossimi giorni incontreremo Macron, Merkel, Rajoy e la May", capi di Stato o di governo che hanno apertamente criticato Maduro nelle ultime settimane, ha scritto Borges sul suo account di Twitter, dimenticandosi che in Ue lo ha fatto anche l'Italia. Borges doveva pure essere accompagnato nel suo tour europeo da Lilian Tintori (con Borges nella foto d'apertura), moglie italo-venezuelana di Leopoldo Lopez, uno dei principali oppositori venezuelani, ma la Tintori ha annunciato che non potrà partecipare al viaggio poiché le è stato confiscato il passaporto. "Mi è vietato lasciare il Paese, la dittatura tenta di impedire di farci fare una importante tournee internazionale", ha scritto la Tintori su Twitter.

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=