Voto Usa peggio di Porcellum: Clinton +2,8 mln, bianca più votata di sempre

Hillary Clinton, candidata democratica sconfitta alle ultime elezioni presidenziali negli Stati Uniti, ha ricevuto più voti di qualsiasi candidato bianco alle elezioni presidenziali statunitensi. Si tratta, per certi versi, di una pietra miliare raggiunta dalla candidata democratica alle ultime elezioni, mentre il conteggio va avanti negli Stati: al momento, la Clinton ha ottenuto 65.746.544 voti, secondo i dati diffusi dal Cook political report, da cui emerge un vantaggio di oltre 2,8 milioni di voti sul presidente eletto, Donald Trump.
In pratica, escluso Barack Obama nel 2008, nessun candidato ha mai ottenuto più voti della Clinton (nella foto), che ha anche un altro primato: quello di candidato perdente che ha ottenuto il vantaggio maggiore sul candidato vincente nel voto popolare (quest'anno, per la quinta volta, il voto popolare ha premiato il candidato perdente). Negli Usa gli elettori, infatti, non eleggono direttamente il presidente ma lo fanno attraverso i 538 "grandi elettori" che vengono eletti nei singoli 51 Stati. Trump ha conquistato 28 Stati e 279 grandi elettori. Chi vince in uno Stato ottiene la totalità dei suoi grandi elettori (tranne che nel Maine e in Nebraska). Un sistema elettorale peggio del nostro ex "Porcellum" (col quale è eletto l'attuale Parlamento italiano), voluto dal governo Berlusconi, dichiarato incostituzionale dalla Corte costituzionale. L'alta Corte ha, fra l'altro, eliminato i premi di maggioranza sia nazionale (legge non più in vigore, sostituita dall'Italicum del governo Renzi) sia su base regionale (ancora in vigore perché l'Italicum è stato fatto solo per la Camera).

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=