Vero, il social network senza pubblicità che vuole sfidare Instagram

Sono tempi difficili anche per i social network. Dopo Facebook che rischia di perdere la sua battaglia con Snapchat, anche Instagram ha ora un potente rivale. Si tratta di Vero, un'app di social media che consente agli utenti di condividere qualunque tipo di contenuto: film, musica, libri, localizzazioni e foto. Oltre a questa possibilità, il social ha un altro punto di forza: le aziende non possono pagare per aumentare le visualizzazioni dei propri post perché non esiste alla base del sistema, un algoritmo che consente di mettere in evidenza alcuni post invece che altri. Vero ("true social"), inoltre, si presenta con un social media senza pubblicità e senza l'interesse a raccogliere i dati dei propri utenti, come invece fanno quasi tutte le altre piattaforme per poi venderli agli inserzionisti.
Ci sono diversi elementi che hanno portato a un aumento improvviso delle iscrizioni, tra cui il declino dei social tradizionali e la stanchezza di molti utenti per le troppe pubblicità. Ma la crescita è legata soprattutto alla promessa, fatta da Vero, di garantire l'account gratuito a vita al primo milione di iscritti.

Vero, inoltre, consente di visualizzare sempre tutti i post pubblicati dagli utenti. Un'altra caratteristica interessante è che - al contrario di Instagram - non si deve ritagliare le immagini in quanto l'app è in grado di pubblicare foto di qualunque dimensione. L'improvvisa popolarità del social network, nato nel 2015 e finanziato dall'investitore libanese Ayman Hariri (nella foto d'apertura, figlio dell'ex premier Rafic Hariri ucciso nel 2005 e fratello dell'attuale primo ministro Saad Hariri), sta causando seri problemi alla piattaforma, visto l'enorme numero di richieste d'iscrizione. "Abbiamo un traffico più alto del previsto, torneremo al servizio regolare il prima possibile", si legge sul sito del gruppo.

 

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=