Future Day festival su futuro tecnologico, problemi cyber e ludopatia compresi

  • Stampa

L’universo vastissimo dell’amore e delle relazioni di coppia ai tempi dei legami liquidi nella piazza virtuale. Il successo dei siti d’incontri e la potenza dirompente degli algoritmi in grado di abbinare profili simili perfino in Antartide. L’impatto violento dei social e delle app, la deriva dei sentimenti e dei discorsi amorosi affrontati con alcuni autorevoli rappresentanti del panorama culturale e sociale nazionale nella cornice suggestiva del mercato coperto di Pescara di piazza Muzii.
Il "Future days fest", il primo festival dedicato all’esplorazione del futuro nelle sue disparate accezioni, apre i battenti oggi 9 dicembre con una giornata dedicata all’evoluzione dell’amore alla quale parteciperanno il giornalista Simone Cosimi ("Wired", "La Repubblica", "VanityFair" e "GQ"), la scrittrice e blogger Valentina Maran e la blogger e influencer di programmi di successo Denise D'Angelilli. Sabato 10 dicembre, secondo giorno della manifestazione, si discuterà invece del futuro del cibo e di un nuovo modello produttivo che possa essere sostenibile per tutti. La seconda edizione del "Future days fest", che lo scorso anno ha portato a Pescara circa settemila presenze, sarà inaugurata alle ore 15 dal sindaco Marco Alessandrini, dall’assessore comunale alla Cultura e alle Politiche giovanili Giovanni Di Iacovo e da Lucia Zappacosta, direttore artistico della manifestazione, con il suo team formato dai project manager Marco “Sburzo” Di PietroArnaldo Guido (nella foto a fianco è a sinistra con Di Iacoco e la Zappacosta) e Virginia Capoluongo (progetto grafico). La rassegna, organizzata dall’Assessorato alla Cultura di Pescara, si terrà nella nuova area riqualificata del mercato coperto di piazza Muzii. Per la prima volta il piano superiore della struttura avveniristica in pieno centro sarà aperto al pubblico e trasformato in passerella per ospitare la fiera dell’innovazione con laboratori sperimentali, i cui posti sono già tutti esauriti, e oltre 15 aziende innovative che, dalle 15,30 alle 17,30, presenteranno la loro idea a colpi di pitch di 10 minuti. Al piano terra spazio a workshop, performance artistiche interattive di Simone Camerlengo in collaborazione con Dharma Digilab e Metro Olografix, incontri a tema sullo sfondo di installazioni video e dj set. 

La spinta creativa del "Future days fest" si propaga fin dal mattino con i laboratori dalle 10,30 alle 12,30 riservati a bambini e ragazzi dai 6 ai 16 anni che, previa iscrizione, potranno varcare le frontiere dell’elettronica contemporanea e avvicinarsi al mondo del coding e alla saldatura e imparare i segreti di "Arduino", l’hardware low cost made in Italy oggi utilizzato nell’ambito della robotica e dell’hobby casalingo per creare piccoli dispositivi come controllori e sensori di luci, circuiti per motori, temperatura e umidità.
Il calendario prevede dalle 17,30 alle 19,00 la tavola rotonda “Future of love” con l’associazione In Sé che raccoglie psicologi esperti di nuove dipendenze quali gioco d'azzardo patologico, dipendenza da internet, cybersesso e cyberbullismo. All’incontro saranno presenti la Maran e la D'Angelilli, influencer di programmi come "OpenSpace" (Italia 1) e "Il tempo delle donne" ("Corriere della Sera") e l’assessore alle Politiche sociali e Pari opportunità del Comune di Pescara Antonella Allegrino.
Alle 19 spazio a Cosimi che durante il festival e s'interrogherà sul tema controverso di come cambia l’amore ai tempi delle app. A seguire l’aperitivo futurista "AperiFuture e dj set" fino alle 23 con la performance interattiva “Linee sensoriali” di Camerlengo, in collaborazione con Dharma Digilab, che farà suonare composizioni di frutta e verdura e inviterà il pubblico a comporre la propria musica. Negli spazi al piano superiore, invece, dalle 20,30 alle 22 ci sarà il laboratorio “Hacking love earth, orto in barattolo smart” organizzato da Metro Olografix e Assocazione Exclamè durante il quale si potrà sperimentare l’uso domestico di "Arduino" attraverso la costruzione di un piccolo orto domestico all'interno di un barattolo dotato di un sensore che avvisa quando bisogna annaffiare. Un'idea alternativa, semplice, ecologica e a portata di mano per chi non intende rinunciare alla qualità di un prodotto bio a chilometro zero pur vivendo in città.
In chiusura il team del "Fest" si sposta al club Tipografia per ascoltare le nuove frontiere della ricerca musicale elettronica (ingresso gratuito dalle 22). Il "Future days party" è scandito dai ritmi di Faderhead (video a sinistra), leggenda dell'elettronica tedesca, definito “mix esplosivo tra i Daft Punk e Depeche Mode”. Il programma completo del Future Days Fest è sul sito web dell'evento.

e-max.it: your social media marketing partner