'Rimpatrio volontario assistito' immigrati, Asl Pescara apre sportello

Anche la Asl di Pescara ha istituito, nel proprio ambulatorio Immigrati in Via Pesaro 50, uno sportello d'informazione e consulenza per lo svolgimento del progetto “Ritorno volontario assistito" (Rva&R) destinato ai cittadini extracomunitari che decidono di fare ritorno al proprio paese d'origine. Il programma è finanziato dal Ministero dell'Interno. I progetti di ritorno volontario assistito prevedono l’assistenza, prima della partenza e all’arrivo in patria e sono mirati al reinserimento economico e sociale nel paese dal quale gli stranieri sono giunti, grazie ad un accompagnamento specifico e all’erogazione di un sussidio, in beni e servizi, per la realizzazione di un pia­no di reintegrazione individuale o familiareQuesto progetto è stato sancito nelle Linee guida per l’attuazione dei programmi di rimpa­trio volontario e assistito” del Decreto del Ministero dell’Interno del 27 Ottobre 2011.

Le attività d'informazione e consulenza nonché la raccolta di eventuali istanze, sono svolte dall’assistente sociale dell’ambulatorio Immigrati e dal funzionario dell’Organizzazione internazionale delle migrazioni Matteo Simoni. I due saranno presenti nell'ambulatorio il primo mercoledì di ogni mese, dalle ore 11 alle ore 13. In alternativa, è possibile contattare il numero verde800200071, attivo h24, destinato ad operatori del settore migrazione e cittadini stranieri che desiderano avere informazioni sull’accesso alla misura.

L’obiettivo - spiega Maria Carmela Minna (nella foto a destra), medico responsabile dell’Ambulatorio Immigrati della Asl pescarese - è quello di potenziare i servizi per renderli sempre più efficienti e innovativi, anche attraverso la collaborazione tra varie istituzioni grazie alla quale è possibile svolgere le proprie attività in stretta sinergia”.

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=