Italia cresce con stranieri. Italiani sposano le rumene. Italiane i marocchini

Cresce la componente straniera in Italia, un aumento dovuto non solo agli iscritti dall’estero ma anche ai nuovi nati da genitori non italiani che nel 2012 raggiungono quasi le 80mila unità (il 15% del totale delle nascite in Italia). Se poi a questi si aggiungono i figli nati da coppie miste si arriva a poco più di 107mila nati da almeno un genitore straniero. Lo sottolinea il XXIII Rapporto Immigrazione 2013 di Caritas-Migrantes presentato oggi a Roma.

Lo studio evidenzia che all’inizio del 2013 gli immigrati erano 4.387.721 (7,4% sul totale della popolazione italiana) con un incremento di oltre 334mila unità (+8,2 per cento) rispetto all’anno precedente. Nello specifico, l’incremento degli stranieri residenti è dovuto al crescente volume delle nascite di bambini stranieri e al numero di iscritti dall’estero. Nel 2012, infatti, nonostante si sia registrata una diminuzione del 9,3% degli iscritti dall’estero rispetto al 2011, il numero è stato comunque pari ad oltre 321mila persone. Ad aumentare sono soprattutto le donne immigrate che oggi costituiscono il 53% degli oltre quattro milioni e 300mila stranieri residenti in Italia anche grazie alle varie regolarizzazioni che hanno certamente favorito l’emersione di una rilevante quota di lavoratrici impiegate nel settore domestico. Relativamente alle provenienze, l’immagine che si ottiene all’inizio del 2013 è simile a quella degli ultimi anni quando, tra gli stranieri, i cittadini rumeni sono la principale collettività immigrata con un numero che si avvicina al milione di residenti pari al 21% del totale. Gli altri cittadini comunitari, invece, hanno percentuali molto più basse che non superano il 2,4% della Polonia. Sul totale, in Italia ogni 10 cittadini stranieri residenti circa tre sono comunitari. I cittadini non comunitari, al primo gennaio del 2013 sono invece risultati 3.764.236, di cui il 49,3% donne e il 24,1% minori. Sopra le 450mila presenze si trova prima l’Albania e, a breve distanza, il Marocco. Seguono altre storiche collettività di stranieri che, nell’ordine, sono quella cinese, l’ucraina, la filippina e la moldava. Le prime cinque nazionalità rappresentano oltre il 50% del totale dei cittadini stranieri in Italia. La distribuzione regionale conferma un dato ormai storico, che vede il 61,8% degli immigrati nel Nord, il 24,2% nel Centro e il 14% nel Sud e nelle Isole. La Lombardia si conferma la regione con il maggior numero di presenze (23,4%), seguita dal Veneto (11,1%), dall’Emilia Romagna (11,1%) e dal Lazio (10,9%). Tra il 2011 e il 2012 si è registrata una leggera ripresa dei matrimoni misti, in cui uno o entrambi gli sposi è di origine straniera (pari a 30.724 nozze): sono state celebrate oltre cinquemila unioni in più rispetto all’anno precedente pari a circa il 15% del totale dei matrimoni officiati in Italia (207.138). Generalmente, i matrimoni misti riguardano in larga misura coppie in cui la sposa o lo sposo provengono da un paese a forte pressione migratoria. Gli uomini italiani che nel 2012 hanno sposato una cittadina straniera hanno, nel 17,4% dei casi, una moglie di nazionalità rumena, nel 10,9% ucraina e nel 7,2% brasiliana. Le donne italiane che hanno sposato un cittadino straniero, invece, hanno scelto più spesso uomini provenienti dal Marocco (15%) e dall’Albania (7,8%). Al primo posto per nazionalità delle madri straniere per numero di figli messi al mondo vi sono le rumene (19.415 nati nel 2012), seguite dalle marocchine (12.829), albanesi (9.843) e cinesi (5.593). Se Francesco e Sofia sono i nomi più frequenti dei nati da genitori italiani, la fantasia aumenta nel caso dei nomi assegnati a nati stranieri e così i primi tre nomi maschili più frequenti sono Adam, Rayan e Mohamed mentre i primi tre femminili sono Sara, Sofia e Malak. L’origine etnica è determinante nella scelta di un nome caratteristico del paese ospitante o meno. La comunità cinese è, infatti, quella che in assoluto predilige nomi tipicamente italiani.

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=