Omicidio Briosi, marito amico di Tollis, ex sindaco 'abruzzese' di Tarcento

  • Stampa

E' scossa molto anche la comunità abruzzese che vive in Friuli Venezia Giulia per l'orrendo fatto di cronaca successo ieri a Udine, dove l'architetto 80enne Giuliano Cattaruzzi ha sparato alla moglie Donatella Briosi, 64 anni, e poi s'è tolto la vita. I due erano in uno studio notarile per stipulare una vendita di un appartamento. La Briosi viveva a Udine ma era di Pescara ed era una stimata sommelier di vini professionista (nella foto d'apertura, in divisa). La coppia era separata da otto anni e sull'immobile da vendere (di lui, risposato a Tenerife, Spagna, e con un figlio di otto anni) gravava un'ipoteca (di lei) per alimenti arretrati non pagati. Il fatto sconvolgente è avvenuto davanti a chi doveva acquistare l'immobile, agli avvocati delle parti al personale dello studio.

Roberto Fatigati, 83enne, originario di L'Aquila, presidente dell'Associazione abruzzesi e molisani del Fvg (100 cento soci molto attiva culturalmente), "ambasciatore abruzzese nel mondo" dal 2017, non conosceva la Briosi perché "non era iscritta alla nostra associazione" mentre a conoscere il marito era il socio Lucio Tollis, ex sindaco di Tarcento (Udine), dov'è situato l'immobile oggetto del contenzioso. "Conoscevo Cattaruzzi - rivela Tollis (nella foto qui sotto a destra è, in piedi, alla sinistra dell'ex governatore friulano Riccardo Illy), nato a Cansano, nell'Aquilano - era socio del Lion's club locale e ci eravamo incontrati più volte quando ero sindaco. La moglie non la conoscevo anche se sapevo che era sposato con un'abruzzese. Sapendo delle mie origini abruzzesi, Cattaruzzi una volta mi fece una sorpresa e mi riportò degli arrosticini dal Teramano, dov'era stato. Era una brava persona. Non riesco a capire, a credere che possa aver fatto una cosa del genere...", conclude senza più parole l'ex sindaco di Tarcento, oggi impegnato nel Centro iniziative culturali del suo comune friulano e nell'Anpi. 

La Briosi era delegata regionale delle Donne del Vino del Fvg ed era amica della sua omologa abruzzese Jenny Viant Gomez, giornalista di origine cubana. "Io e Donatella eravamo amiche, siamo state insieme una settimana fa all'incontro 'Terre di Pisa' in Toscana e c'eravamo pure viste al Vinitaly dello scorso aprile - dice la Viant Gomez (seconda da destra nella foto a fianco, con altre "Donne del vino" e la Briosi, prima da sinistra) - Sono sgomenta per quanto accaduto, era una gran bella persona, sempre molto attiva (la chiamavo la 'Brio'), altruista e solerte. Veniva nel suo Abruzzo che amava tanto quando poteva ma non come avrebbe voluto".

 



e-max.it: your social media marketing partner