Agenzia Entrate pubblica Guida per dichiarazione redditi utile anche per emigrati

“La Guida alla dichiarazione dei redditi delle persone fisiche per l’anno d’imposta 2017 che è appena stata pubblicata dall’Agenzia delle Entrate riguarda anche i contribuenti residenti all’estero che hanno prodotto redditi in Italia e sono quindi tenuti alla dichiarazione (fermo restando le previsioni della varie convenzioni contro le doppie imposizioni fiscali). La guida fa specifico riferimento alle spese che danno diritto a deduzioni dal reddito, a detrazioni d’imposta, crediti d’imposta e altri elementi rilevanti per la compilazione della dichiarazione. Particolarmente interessante è il capitolo (a pagina 338 della Guida) che fornisce informazioni e chiarimenti a coloro i quali vivono all’estero ma non si sono iscritti all’Aire – risultando quindi ancora fiscalmente residenti in Italia - su diritto e modalità per ottenere il credito di imposta dall’Italia per i redditi prodotti e già tassati all’estero”.

È quanto dichiarano congiuntamente i parlamentari eletti all'estero del Partito Democratico, la senatrice Laura Garavini e i deputati Massimo Ungaro e Angela Schirò (nella foto a destra, col direttore degli Italiani all'estero alla Farnesina, Luigi Vignali), sempre puntuali per informare i connazionali all'estero come loro.

“Ricordiamo inoltre che coloro i quali risiedono all’estero ma producono almeno il 75% del loro reddito in Italia (contrattisti, pensionati, liberi professionisti, etc.) hanno diritto alle detrazioni per carichi di famiglia ed anche  a una serie di deduzioni e detrazioni elencate nella Circolare dell’Agenzia. Consigliamo quindi ai contribuenti interessati di rivolgersi ai patronati e alle istituzioni competenti per verificare puntualmente i loro diritti e i loro doveri fiscali. La Circolare 7/e del 27 aprile 2018  costituisce, a detta dell’Agenzia, una trattazione sistematica delle disposizioni riguardanti ritenute, oneri detraibili, deducibili e crediti di imposta, anche sotto il profilo degli obblighi di produzione documentale da parte del contribuente al Centro di assistenza fiscale (Caf) o al professionista abilitato e di conservazione da parte di questi ultimi per la successiva produzione all’Amministrazione finanziaria”.

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=