Razzi oltreoceano per presentare suo libro 'Un senatore possibile'

E' iniziato ieri 1° novembre il tour mondiale del senatore Antonio Razzi per la presentazione della sua seconda fatica letteraria “Un senatore possibile”, recentemente pubblicato da Graus Editore. Insieme al suo editore Pietro Graus, Razzi volerà prima in Canada nell’Ontario, precisamente a Hamilton, dove, oggi 2 novembre, incontrerà la comunità italo-canadese al “Liuna Station”. Fra quqesti anche il suo amico Angelo Di Ianni, rappresentante del Canada al Consiglio regionale degli abruzzesi nel mondo (Cram) della Regione Abruzzo. Organismo in cui per due legislature è stato anche Razzi, in rappresentza degli abruzzesi di Svizzera, Paese dove è emigrato a 17 anni dalla sua Giuliano Teatino (Chieti).

Nei giorni a seguire il parlamentare italiano più famoso al mondo, grazie alle parodie di Maurizio Crozza, si sposterà a Toronto al “77 Wood Blvd”. Dal Canada passerà negli Stati Uniti a Washington, dove è atteso allla prestigiosa National italian american Foundation (Niaf), la più grande organizzzazione di italiani in Usa. Quindi a Philadelphia, AL“Gran Caffè dell’Aquila”. prima di ripartire per l’Italia, si fermerà a New York. Un tour in giro per gli Usa per far conoscere anche all’estero la storia di un uomo politico che si'è messo a nudo in tutti i sensi, a cominciare dalla copertina del nuovo libro (foto d'apertura).
Tra le pagine dell’autobiografia si percorrono le fasi della carriera politica dell’oggi senatore (ma anche deputato per due legislature) che, partito da Giuliano Teatino negli anni 60, è, appunto, emigrato in Svizzera per lavorare come operaio alla ex Viscosuisse (l'attuale ditta tessile Tersuisse Multifils). Come presidente della Federazione emigrati abruzzesi in Svizzera (Feas) e consigliere Cram, alle elezioni politiche del 2006 viene eletto alla Camera dei deputati. Oggi Razzi è non solo un politico ma anche un personaggio famoso al grande pubblico per la sua schiettezza e umiltà. Doti umane che gli sono state riconosciute anche nel recente "Premio Zimei" avuto a Pescara. Certo, molti italiani non lo stimano per il suo italiano sgrammaticato e per via del suo salto della quaglia fra l'Italia dei Valori di Antonio Di Pietro e Forza Italia di Silvio Berlusconi, che destò grande scandalo nel 2010. Erano i giorni del voto di sfiducia all'ultimo governo Berlusconi e il voto a sorpresa di fiducia di Razzi e Antonio Scilipoti (anche lui transfuga dall'Idv al centro-destra). I giorni del video girato di nascosto da un collega deputato (a destra) da cui iniziò la parodia di Crozza ("Fatti li cazzi tua"), che vive ancora oggi dopo sette anni.

Nella foto d'apertura, Razzi e sua moglie Maria Jesus Fernandez sono con Rudolph Giuliani, attuale consigliere per la sicurezza informatica del presidente Donald Trump ed ex sindaco di New York.

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=