Premi Dean Martin 2017 a Mazzocchetti, Salvatore, Galante e Martini

Giunge al decimo anno il Premio Dean Martin, che dopo due anni di assenza torna a Montesilvano (Pescara) per celebrare, col contributo del Comune, una festa straordinaria all'attore e cantante italo-americano Dean Martin (1917-1995), uno dei personaggi più conosciuti nel mondo, nell’anno del centenario della sua nascita. Martin (al secolo Dino Paul Crocetti) era figlio di emigrati abruzzesi (nella foto d'apertura è con la madre Angela Barra) è il papà Gaetano era nato e vissuto a Montesilvano. L’appuntamento con i premi è per venerdì 28 Luglio alle ore 21, nella nuova piazza del lungomare, nel curvone antistante i grandi alberghi.
"Per costruire la propria fortuna - ha affermato il sindaco Francesco Maragno, nel corso della conferenza stampa di presentazione insieme all’assessore alla Cultura Ottavio De Martinis, all’assessore regionale e presidente del Cram Donato Di Matteo e alla presidente della Fondazione Dean Martin, Alessandra Portinari al consigliere comunale Carlandrea Falcone (tutti nella foto a destra durante la conferenza) - bisogna darsi da fare e impegnarsi duramente. Dean Martin è la dimostrazione degli ottimi risultati che possono essere raggiunti. L’auspicio è che questo personaggio illustre possa essere un esempio per molte altre persone. Voglio ringraziare la presidente Portinari che ha permesso di costruire in pochissimo tempo una rassegna corposa ed articolata».
"Il premio Dean Martin - ha aggiunto De Martinis - è l’ultimo degli eventi pensati per celebrare il centenario della nascita dello showman, ma sicuramente il più grande che conclude questo viaggio iniziato prima dell’estate".

Di Matteo ha detto di aver "apprezzato che questa Amministrazione abbia voluto riportare il premio a Montesilvano. E’ qui che ha avuto inizio la storia di quella famiglia e quindi ritengo positivo che Montesilvano voglia puntare sulla simbologia positiva di cui questo Premio è connotato. Un grazie alla presidente Portinari che anche in questa edizione ha individuato nomi che sono dei veri 'ambasciatori d’Abruzzo' all’estero". Un passaggio in cui leggiamo un pizzico di polemica con le onoreficenze annuali del Consiglio regionale che escludono il Cram dalle scelte e l'organizzazione.

Sul valore dell’immagine del popolare divo italo-americano si è detto d'accordo Andrea Falcone, titolare con i fratelli Gianfranco a Rodolfo, della prestigiosa omonima azienda dolciaria, che ha sottolineato come "far diventare Martin un’icona, può senz’altro produrre importanti vantaggi, soprattutto sul settore turistico del territorio".
Prima di presentare i premiati della decima edizione, la Portinari ha espresso soddisfazione "per essere tornata a Montesilvano, perché da qui che è iniziato il suo viaggio. Ringrazio il Comune per aver contribuito a rendere possibile questa iniziativa. Martin rappresenta un espediente che può restituire valore e importanza a tutte quelle persone che sono emigrate da Montesilvano e dall’Abruzzo. Mi auguro che questo connubio possa proseguire e rinsaldarsi ulteriormente negli anni".
Il 28 luglio, verrà consegnato il prestigioso e celebre cappello a Piero Mazzocchetti, cantante e tenore con una storia di emigrazione alle spalle, a Francesca Salvatore (nella foto qui sotto a destra), creativa pescarese che vive a Londra (Gran Bretagna) e che ha disegnato i principali film di animazione usciti nelle sale cinematografiche di tutto il mondo, Luigi Galante, top manager della Fiat Chrysler e Giuliana Martini, di Rovere (l’Aquila), imprenditrice nel settore organizzazione eventi e comunicazione, residente a Johannesburs (Sudafrica), dove è famosa per essere stata una delle più strette collaboratrici di Nelson Mandela (con lei nella foto sotto a sinistra), quando era presidente dal 1994 al 1999. La Martini è stata da noi intervista per la webtv e l'anno scorso era stata ospite della manifestazione "Orti d'oro" a Pescara della onlus "Domenico Allegrino", la cui presidente è il nostro editore Antonella Allegrino.

Verranno consegnati anche il Premio per la Letteratura a Gerardo Di Cola e Andrea Mosca per il libro "Dean Martin, "La ruota del destino"; Il Premio per il Patrimonio culturale abruzzese a Lia Giancristofaro (nella foto sotto a destra intervistata dalla trasmissione Rai "Lineaverde"), docente di Antropologia Università "Gabriele D'Annunzio" di Chieti, per il saggio "Tomato day - Il rituale della conserva di pomodoro" (pubblicato da Franco Angeli). Premio Dean Martin per l'Arte ad Alessandra Finocchio e Michelangelo Prencipe (che hanno partecipato alla mostra del programma eventi del Centenario). Premi "Gaetano Crocetti" alla cantante di fado portoghese Candida D'Aurelio e all'attrice Tiziana Di Tonno.

Ai premiati verrà consegnata anche una bottiglia di vino abruzzese, la cui etichetta è stata realizzata dall’artista montesilvanese Gino Berardi (nella foto sotto a sinistra come partecipante alla mostra del Centenario insieme alla Finocchio e Prencipe).
Durante la serata l’Orchestra Dean Martin, diretta da Antonella De Angelis, riproporrà un viaggio musicale sulle note dei famosi e indimenticabili brani di Martin, interpretati da Antonello Angiolillo. Per l’occasione le Poste Italiane hanno predisposto un annullo filatelico, possibile nel corso della serata. Una riflessione verrà dedicata alla crisi in Venezuela, per mezzo di una raccolta firme per condannare la violazione dei diritti umani da sottoporre al Tribunale internazionale dell'Aja.
La regia della serata  sarà curata da Matteo Veleno, mentre presentatrice della serata sarà la giornalista Mila Cantagallo (nella foto sotto a destra, sul palco dell'edizione 2015 insieme a Di Matteo e al premiato Amedeo Di Lodovico, imprenditore emigrato in Venezuela, presidente della Fondazione Abruzzo Solidale).


LA FONDAZIONE E IL PREMIO DEAN MARTIN

Nata a Montesilvano, città che ha dato le origini a Dean Martin, la Fondazione, attraverso il Premio omonimo e le varie attività proposte, ripercorre il viaggio di Gaetano Crocetti, emigrato il 29 agosto 1913 da Montesilvano, per cercare fortuna in America, fortuna poi trovata da suo figlio Dino. Essa intende valorizzare, tramandare, diffondere e conservare il patrimonio culturale, artistico storico del fenomeno dell’emigrazione legato alla storia e alle testimonianze degli Italiani nel mondo, con particolare riferimento a quelli di origini abruzzesi divenuti noti all’estero grazie al loro talento, sottolineandone il coraggio e l’intraprendenza, come, per esempio, lo showan Perry Como, il poeta Pascal D’Angelo, gli scrittori Pietro Di Donato e John Fante, il compositore Henry Mancini (autore, fra l'altro, della colonna sonora del cartone animato "La Pantera Rosa", video sotto con mancini al pianoforte), il più grande pugile della storia Rocky Marciano e altri.

La Fondazione ricerca quegli emigrati che, grazie ai loro sacrifici e al loro lavoro unito a talento, hanno diffuso il patrimonio della nostra regione. Per questo motivo promuove in Abruzzo la realizzazione di un centro di sviluppo di incontri nazionali e internazionali, per richiamare artisti e esponenti della cultura, della musica, dello spettacolo, del cinema e del turismo, favorendo la conoscenza di quanto sopra espresso instaurando rapporti di collaborazione al fine di divulgare la cultura e creare gemellaggi in Italia e all’Estero. Tra le finalità della Dean Martin c’è la valorizzazione di professionisti e giovani eccellenze locali attraverso progetti culturali, anche con le scuole e la creazione di una rete tra le città abruzzesi e vari soggetti atta a mettere in campo idee e risorse per una condivisione di obiettivi che favoriscano relazioni, occasioni di arricchimento reciproco nonché momenti di forte aggregazione. Inoltre mira a un'operazione di sensibilizzazione riguardo il fenomeno dell’emigrazione e dell’immigrazione soffermandosi sul significato dell’interculturalità e rafforzando il concetto delle differenze quale ricchezza per favorire l’acquisizione di nuove competenze di dialogo con lo scopo di creare una “cittadinanza condivisa”.

LA NASCITA DEL PREMIO DEAN MARTIN

Il Premio è stato ideato e organizzato dal 2008 dalla Portinari, che ha costituito la Fondazione. Per realizzare un grande progetto di forte valore culturale è importante condividerlo con quante più persone di valore che vogliano realizzare un grande sogno. La Fondazione con uno statuto associativo, oltre all'organizzazione del Premio, mira alla nascita di un museo dell'emigrazione, a un Centro studi sull'emigrazione e sul personaggio di Martin e al consolidamento dell'attività artistica dell'Orchestra sinfonica Dean Martin. L’idea complessiva del Premio è quella di donare un evento internazionale che rappresenti la città in maniera esclusiva. Il Premio è suddiviso in diverse sezioni che comprendono: Letteratura, Musica, Spettacolo, Imprenditoria, Comunicazione, Professione. La giuria del Premio individua ogni anno gli abruzzesi di tutto il mondo che si sono distinti per serietà, professionalità e impegno e che hanno contribuito a tenere alto il nome e l'onore dell'Abruzzo, della quale sono illustri figli. Nel corso degli anni il Premio s'è fatto conoscere il tutto il mondo, grazie al successo di pubblico e alle storie raccontate sull’emigrazione.


L’ORCHESTRA SINFONICA DEAN MARTIN

Nata nel 2013, è composta da professionisti abruzzesi di notevole livello artistico e affidarne la direzione alla De Angelis, musicista fortemente affermatasi per il talento e l'originalità che la contraddistinguono. Il repertorio dell'orchestra si compone di grandi opere sinfoniche americane e italiane, musical e composizioni che risentono di contaminazioni che vanno dal colto al popolare al jazz-blues, senza escludere il repertorio sinfonico tradizionale. L'Orchestra ha esordito con un concerto dal titolo “Europa – Americhe andata e ritorno” eseguendo musiche di Leonard Bernstein e George Gershwin e il "Concerto per violino e orchestra" del Premio Oscar Luis Bacalov con il solista Paolo Morena. L'evento, in presenza del compositore, ha riscosso grande successo e ha avuto rilevanza internazionale su numerosi giornali americani. Nel dicembre 2014 ha eseguito musiche del compositore Henry Mancini, le cui origini erano abruzzesi, riscuotendo il consenso del teatro Massimo al completo. Collabora con grandi artisti quali il pianista Danilo Rea con cui si è esibito nell’aprile 2016. E’ tra gli organizzatori della rassegna "Musica e società", giunta alle terza edizione. Ha prodotto la piece di teatro musicale "Rosamara – Storie di donne migranti".


L’ALBO D’ORO DEL PREMIO DEAN MARTIN

Prima edizione anno 2008: 

Mario Monicelli regista; Alessandro Haber attore; Riccardo Milani regista e gli attori protagonisti de film la "Guerra degli Antò" (girato a Montesilvano).

Seconda edizione anno 2009:
Orso Maria Guerrini attore; Franco Di Mare giornalista; Maxiata gruppo musicale; Orchestra Femminile del Mediterraneo; Virginio Gazzolo attore; Edoardo Siravo attore; Vanessa Gravina attrice.

Terza edizione 2010: 

Mario Scaccia attore; Dario Salvatori critico musicale; Claudio Lippi cantante -
Germano D'Aurelio ('Nduccio) comico.

Quarta edizione 2011:
Franca Valeri attrice; Ornella Muti attrice; Gilda Giuliani cantante.
Sezione “Abruzzesi nel mondo”: Antonello Angiolillo cantante.

Quinta edizione 2012: 

Sezione “Abruzzesi nel mondo”: Giulio Borrelli giornalista; Generoso D'Agnese giornalista e scrittore (secondo da destra nella foto dell'edizione 2019 con Lippi, 'Nduccio e Salvatori).

Sesta edizione 2013:
Massimo Troisi (Premio alla memoria consegnato a Nathalie Caldonazzo) - Dom Serafini giornalista - Domenico Vecchioni ambasciatore d'Italia a Cuba - Tony e Anna Pace produttori radiofonici di Boston (Usa) - Mario Fratti scrittore e drammaturgo italo-americano – Enriquez Luis Bacalov pianista, compositore Premio Oscar per la colonna sonora del film “Il Postino”. Sezione “Abruzzesi nel mondo”: Valerio Di Rocco cantante; Paolo Morena violinista, spalla dell'Opera di Pechino; Annunziata Vestri mezzosoprano.

Settima edizione 2014 - altro link)
Sezione “Abruzzesi nel mondo”: Donato Renzetti direttore d'orchestra; Maria D'Alessandro scrittrice; Maria Fosco responsabile di Italian american museum; Frank Salvatore docente all'Università di Philadelfia (Usa); Luciano Borsari fotoreporter; Paolo Russo pianista e compositore – Oscar Gabriel Rosati trombettista; Paolo De Francesco docente all'Università Monterrey e presidente della Società "Dante Alighieri" in Messico.

Ottava edizione 2015:
Sezione “Abruzzesi nel mondo”: Mimmo Locasciulli cantante; Ildebrando D’Arcangelo basso e baritono; Franco Summa artista; Vincent Scarza regista e produttore discografico (fra gli altri di Donna Summer); Marcello Maviglia neuropsichiatra; Daniela Pugliello organizzatrice eventi, Amedeo Di Ludovico (foto sopra con Di Matteo e la Cantagallo); Rocco Colanzi, imprenditore in Bolivia.

Nona edizione 2016:
Sezione “Abruzzesi nel mondo”: Gianluca Ginoble (cantante del famoso trio Il Volo); don Bruno Giuliani (già abate generale della Congregazione dei Canonici lateranensi); Luciano Bentenuto (già capo degli servizi segreti canadesi, nella foto qui a sinistra, col cappello, premiato dall'assessore di Pescara Giuliano Diodati e la Portinari); Nicola D’Orazio (storico direttore del periodico "Abruzzo nel Mondo"); Santino D’Angelo (imprenditore di successo ha costruito ospedali, aeroporti e grandi infrastrutture in Canada), Mari Nobre (cantante a Los Angeles, Usa), Anna Letizia Soria (Leticia Airos, vive e New York e dirige una delle più grandi riviste di italiani nel mondo "I-Italy"), Ignacio Valentini (designer italo-argentino, ha disegnato le scarpette del grande giocatore argentino Lionel Messi).
Premio Internazionale Dean Martin a Saba Anglana (cantante e attrice di origine somale), per la sua grande personalità e per il suo encomiabile impegno in alcuni paesi del Nord Africa e come testimonial internazionale nella lotta contro l’Aids.

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=