Venezuela non paga pensioni a ex emigrati. Porta sollecita governo italiano

E’ da più di un anno che il Venezuela, perché travolto dalla crisi economica ma forse perché con la crisi si sono indebolite le ragioni del diritto e della giustizia, non paga più le proprie pensioni ai residenti all’estero. Sono circa 12mila i pensionati privati del loro primario diritto e molti di loro vivono in Italia. Per questo motivo il deputato del Pd Fabio Porta, presidente del Comitato degli Italiani nel Mondo della Camera, eletto nella circoscrizione America del Sud, ha presentato un’interrogazione a risposta scritta al Ministero degli Esteri, sollecitando un intervento al fine del ripristino delle pensioni. Porta ricorda nella sua interrogazione che "nonostante l’accordo stipulato nel 2014 tra le autorità competenti venezuelane e quelle italiane per il pagamento delle pensioni venezuelane in Italia, anche ai titolari di pensione venezuelana residenti in Italia (per la maggior parte ex emigrati italiani in Venezuela che sono rientrati) è stato sospeso il pagamento della pensione. La sospensione dei pagamenti delle pensioni venezuelane in Italia costituisce una grave violazione da parte delle autorità competenti venezuelane della Convenzione bilaterale di sicurezza sociale e del diritto internazionale, e sta creando gravi disagi economici e sociali ai nostri connazionali rientrati in Italia dopo una vita di lavoro e di sacrifici nel Paese sudamericano".

Il deputato del Pd italo-brasiliano sottolinea che l’articolo 6 della Convenzione di sicurezza sociale tra il Venezuela e l’Italia, stipulata nel 1988 e ancora in vigore, in relazione ai pagamenti all’estero recita che “Le prestazioni in denaro dovute da uno Stato contraente saranno corrisposte integralmente e senza alcuna limitazione ai titolari che risiedono nel territorio dell’altro Stato contraente o in uno Stato terzo”. Porta chiede quindi al Ministero degli Esteri "quali urgenti misure intende intraprendere per sollecitare le autorità venezuelane, competenti per i pagamenti delle pensioni in Italia, a rispettare il dettame della Convenzione di sicurezza sociale stipulata tra i due Paesi e ripristinare al più presto quindi i pagamenti delle pensioni venezuelane in Italia. Inoltre, per venire incontro alla disperata situazione economica dei molti italo-venezuelani residenti in Italia invita il Ministero degli Esteri, insieme al Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e all’Inps, a valutare l’opportunità di concedere ai titolari di pensione in convenzione con il Venezuela residenti in Italia che non percepiscono più il pro-rata venezuelano, un’eventuale integrazione al minimo sul pro-rata pensionistico italiano, o l’assegno sociale se ne ricorrono i presupposti, per consentire loro di percepire un reddito minimo di sopravvivenza".

Il Venezuela, a causa della crisi economica e valutaria, non paga nessuno, né pensioni né creditori esteri, per mancanza di valuta pregiata nelle proprie casse, esaurite da tempo. La "pro-rata" di pensione sarebbe infatti da inviare in Italia convertita in euro, fino al 2016 al cambio ufficiale e da quest'anno al cambio Dicom, in questo caso più favorevole a Caracas. 

Nella foto, Porta (a sinistra) è insieme all'ex senatore Edoardo Pollastri, scomparso di recente in Brasile, dove ha guidato per tanti anni la Camera di Commercio italo-brasiliana. "Sono tanti i bei ricordi che mi legano a Pollastri - dice Porta - Abbiamo avuto la fortuna di cominciare insieme la prima avventura delle elezioni parlamentari del 2006 per gli italiani all'estero, lui al Senato io alla Camera, con l'allora lista dell'Unione. Sono sempre rimasto colpito dalla sua grande apertura e rispetto di tutta la comunità italiana in Brasile. Noi venivamo da esperienze diverse lui era imprenditore (era amministratore delegato della Visconti, industria alimentare) e io sindacalista ma coltivavamo l'amicizia e la collaborazione sociale con le cose che ci univano più che con quelle che ci dividevano". Pollastri - scomparso lo scorso 21 gennaio a 84 anni, nato ad Alessandria, in Piemonte - era anche commercialista e docente universitario. Nella foto qui sopra, anziani italiani ospiti della Residenza "Villa Pompei" a Caracas.

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=