Il Presidente Mattarella: a Manoppello un luogo della memoria per Marcinelle


Un luogo della memoria per ricordare la tragedia di Marcinelle e le vittime abruzzesi. Ad auspicarne la realizzazione è stato il presidente della Giunta regionale, Luciano D'Alfonso, nel corso della visita che una delegazione istituzionale ha fatto ieri, al Quirinale, al presidente della Repubblica Sergio Mattarella. La delegazione era composta dai sindaci dei Comuni maggiormente colpiti dalla tragedia: Luciano Mucciante, sindaco di Castel del Monte (L'Aquila), Ilario Lacchetta, Farindola, Giuseppe Esposito Lettomanoppello, Giorgio De Luca (sindaco di Manoppello), Luigi Canzano,Turrivalignani, tutti comuni del Pescarese, Domenico Giangiordano, Roccascalegna (Chieti), Ivan Di Pompeo, vicesindaco di Castel Del Monte. Hanno partecipato all'incontro anche il presidente della Saga, Nicola Mattoscio, e il presidente dell'Associazione minatori vittime del Bois du Cazier, Nino Domenico Di Pietrantonio. Il governatore D'Alfonso ha sottolineato come l'identità abruzzese sia stata costruita anche sulla tragedia di Marcinelle, evento simbolo che ha segnato la memoria collettiva del territorio d'Abruzzo. Per questo, motivo, ha chiesto al presidente Mattarella di sostenere la Regione Abruzzo nella realizzazione di un luogo della memoria, a Manoppello, in cui cristallizzare e consacrare il sacrificio delle 60 vittime abruzzesi della tragedia, 23 delle quali originarie proprio del posto. E' stata poi la volta del primo cittadino del paese, il quale ha ricordato il dramma vissuto dalla comunità manoppellese segnata dalla catastrofe e ha ribadito la necessità che un luogo della memoria onori sul territorio della provincia di Pescara le vite di quanti, partiti per risollevare economie domestiche ai limiti dell'indigenza, non fecero più ritorno nelle terre di origine.

Marcinelle-strage.j

Commoventi le parole del presidente dell'Associazione minatori vittime del Bois du Cazier di Lettomanoppello, che ha raccontato al presidente Mattarella la propria tragedia familiare: figlio di uno dei minatori morti nell'incendio, Di Pietrantonio ha coltivato negli anni la speranza di trovare la verità sulla vicenda di suo padre e delle altre 261 vittime della tragedia. Ha chiesto al presidente Mattarella di aiutare i familiari a fare luce su tanti aspetti della tragedia ancora non chiariti, sottolineando come in molte bare riportate in Abruzzo non siano mai stati trovati i corpi.

Infine il presidente della Saga ha ricordato come il dramma sociale dell'emigrazione - che nel corso del Novecento ha portato all'esodo di 300mila abruzzesi nel mondo - non vada dimenticato e venga posto a fondamento del patrimonio umano e culturale della regione. "L'Abruzzo - ha continuato Mattoscio - oltre ad aver prodotto eserciti di uomini da esportare all'estero, ha dato i natali anche a una delle più celebri brigate partigiane che hanno contribuito a liberare l'Italia dal nazifascimo, la Brigata Maiella".

Marcinelle-incontro-mattarella

Il presidente della Repubblica ha espresso il suo plauso alla visita della delegazione abruzzese, rimarcando come sia nelle more della Repubblica italiana la celebrazione della memoria della tragedia di Marcinelle. "L'immane sacrificio di coloro che sono partiti con la speranza di migliorare le condizioni di vita dei propri figli - ha dichiarato Mattarella - ha contribuito a costruire il presente del nostro Paese". Mattarella ha assicurato la piena disponibilità nel patrocinare la realizzazione di un luogo della memoria a Manoppello e si è impegnato a perorare la causa di quanti, ancora oggi, chiedono verità sui tragici fatti dell'8 agosto 1956. Ha infine salutato la delegazione dichiarando al presidente D'Alfonso: "Lavoriamo affinché io possa accettare il vostro invito in autunno"

 

 

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=