Cram aTagliacozzo, Di Matteo: "Fondi o Consulta inutile e pronto a lasciare"



S'è aperta stamane a Tagliacozzo L'Aquila la prima giornata del Consiglio regionale degli abruzzesi nel mondo (Cram) nella splendida cornice del Teatro Talia. I lavori sono stati aperti da Franco Santellocco Gargano, vicepresidente uscente del Cram, seguito dai saluti istituzionali del sindaco Maurizio Di Marcotesta e dei due consiglieri regionali che sono anche nel Cram, Lorenzo Berardinetti e Pietro Smargiassi. Presenti il direttore del settore Giancarlo Zappacosta, che è fratello di un illustre abruzzese emigrato negli Usa, Pierluigi, fondatore della Logitech negli Stati Uniti e inventore del mouse per i computer. Con lui anche il dirigente di settore Francesco Di Filippo e il nuovo funzionario dell'Emigrazione della Regione, Franco Di Martino che, come da legge, sarà anche il nuovo segretario verbalizzante dell'assemblea (punto all'ordine del giorno, come la nomina del nuovo vicepresidente a latere del presidente Donato Di Matteo, che è anche assessore al ramo. Ospite anche il senatore Antonio Razzi, abruzzese residente in Svizzera ed ex consigliere Cram per il suo Paese di emigrazione, dove è stato per anni anche presidente dell'Associazione abruzzesi di Lucerna e delle Federazione dei club. Hostess e steward impegnati all'accoglienza gli allievi dell'Istituto tecnico turistico di Tagliacozzo "Andrea Argoli" che in alternanza con i compagni a scuola hanno garantito l'alternanza con almeno 10 allievi. studenti che faranno anche da anche guide turistiche nelle escursioni. Gli stuidenti sono accompagnati dalle insegnanti tutor Enza Di Domenico e Claudia Sansone. Presenti anche gli ex consiglieri regionali e Cram Giuseppe Tagliente, Tonino Prospero e Ricardo Chiavaroli. Saluti accorati quelli del presidente del Consiglio regionale Giuseppe Di Pangrazio: "L'Abruzzo è ovunque - ha detto Di Pangrazio - siamo sempre stati ben accolti ovunque anche dagli autoctoni di territori spesso ostili. Dove andiamo portiamo i nostri sapori grande contribuito ai nostri piccoli centri con le rimesse. le banche si sono aperte grazie alle rimesse dall'estero. qui perché ci tengo il tempo è poco ma questo incontro per me è fondamentale per quello che voi avete fatto per l'economia regionale e siete veri ambasciatori d'Abruzzo nel mondo".
Zappacosta ha parlato di emigrati di successo come "attrattori d'impresa da sempre anche se n'è mai approfittato nessuno. Ho visitato molte realtà importanti come quella canadese". Razzi ha rinnovato gli elogi a Di Matteo "il numero uno" e ha indicato come esempio il consigliere del Belgio Levino Di Placido "abruzzese che promuove i prodotti enogastronimici in Belgio. Saluto ad Angelo Di Ianni, ex provveditore agli studi e fratello dell'ex sindaco di Hamilton. Di Matteo lo considero il 'Mirko Tremaglia' del centro-sinistra, solo lui può far sperare il settore ad avere i fondi che merita per poter lavorare". Razzi ha poi regalato il suo disco "Famme cantà" al presidente.
Di Matteo ha ringraziato gli ex consiglieri presenti per il buon lavoro svolto in passato e a Goffredo Palmerini, oggi presidente dell'Osservatorio dell'Emigrazione. "Vi dovete appropriare di un protagonismo serio, non su Facebook ma facendo considerazioni produttive e costruttive per ricaparvi un ruolo - ha detto l'assessore - Perché a Tagliacozzo?, Per valorizzare paesi dell'entroterra che ti fanno commuovere. Il Cram è o non è protagonista delle politiche dell'emigrazione? Se lo deve essere bisogna condividere con i corregionali all'estero, giovani compresi (e soprattutto), la scelte anche economich. Se non ci sono risorse è meglio non fare più nemmeno il Cram. Dentro il sistema sempre anche con l'Osservatorio protagonista. Avevamo costruito nel 2005-2008 un percorso utile alle associazioni per la promozione" poi disperso completamante. per rispondere ad alcune polemiche online Di Matteo ha detto che "per questo Cram abbiamo speso solo 40mila euro quasi la metà del passato recente. Biosgna riattivare il portale d'informazione (che Di Matteo aveva fatto in passato, ndr) non si può stare senza in questa era soprattutto con chi sta lontano". Poi altro progetto difficile di Di Matteo la costruzione dell'"anagrafe dettagliata degli abruzzesi all'estero. L'Osservatorio deve essere interlocuzione di collegamento con voi per attingere a risorse comunitarie" a supplenza o integrazione dei pochi fondi regionali possibili: E infine: "Sono pronto a lasciare se non vi viene dato il giusto protagonismo". (segue)

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=