Istat: dall'Italia vanno via gli italiani ma anche gli stranieri: -12,3%

Meno immigrati in arrivo in Italia, aumentano gli italiani che lasciano il nostro Paese. Anche l'Istat sforna i propri dati sulle migrazioni internazionali e interne della popolazione residente', dopo che l'hanno fatto anche le organizzazioni private come i Rapporti della Migrantes o quelli Idos-Unar. Nel 2013, dice l'istituto di statistica, "le immigrazioni dall'estero sono state 307mila, 43mila in meno rispetto all'anno precedente (-12,3%)". Il calo delle iscrizioni dall'estero, spiega l'Istat, "è imputabile ai flussi che riguardano i cittadini stranieri, il cui numero scende da 321mila nel 2012 a 279mila nel 2013. Si osserva anche una contrazione delle iscrizioni dall'estero di cittadini italiani (da 29mila a 28mila unità)". Nello specifico, "con 58mila ingressi la comunità più rappresentata tra gli immigrati è quella rumena, seguono: marocchina (20mila), cinese (17mila) e ucraina (13mila). Rispetto al 2012, risultano in calo di 23mila unità le iscrizioni di cittadini rumeni (-29%). In termini relativi, calano significativamente anche le iscrizioni di cittadini ecuadoriani (-37%), ivoriani (-34%), macedoni (-26%) e polacchi (-24%)".

Nel 2013, invece, "si contano 126mila cancellazioni dalle anagrafi per l'estero, 20mila in più dell'anno precedente. Il saldo migratorio netto con l'estero è pari a 182mila unità nel 2013. In forte diminuzione rispetto all'anno precedente (-25,7%), è anche il valore più basso registrato dal 2007". L'aumento delle emigrazioni è dovuto principalmente ai cittadini italiani, "le cui cancellazioni passano da 68mila nel 2012 a 82mila unità nel 2013 (+21%). In aumento anche le cancellazioni di cittadini stranieri residenti, da 38mila a 44mila unità (+14%). Le principali mete di destinazione per gli italiani sono la Gran Bretagna, la Germania, la Svizzera e la Francia. Nel loro insieme questi paesi accolgono oltre la metà dei flussi in uscita". Le migrazioni da e per l'estero di cittadini italiani con più di 24 anni di età (pari a 20mila iscrizioni e 62mila cancellazioni) "riguardano per oltre il 30% del totale individui in possesso di laurea. La meta preferita dei laureati è il Regno Unito. Nel 2013 i trasferimenti di residenza interni al territorio nazionale coinvolgono un milione e 362mila individui, interessando il 2,3% della popolazione". La composizione dei flussi in base al raggio di migrazione rimane sostanzialmente invariata rispetto a quella osservata negli ultimi anni: "Sono circa un quarto del totale i trasferimenti di residenza interni di lungo raggio (335mila tra Comuni di regioni diverse) e un milione e 28mila quelli di breve raggio (tra Comuni della stessa regione)". I tassi migratori netti, conclude l'Istat, "sono positivi in tutte le regioni del Nord e in quasi tutte quelle del Centro. Sono negativi in tutte le regioni del Sud e delle Isole. Si conferma, pertanto, l'attrattività delle regioni centro-settentrionali nei confronti di quelle meridionali. I trasferimenti di residenza interni coinvolgono un milione e 113mila cittadini italiani e 249mila stranieri. La quota relativa di questi ultimi risulta in aumento e pari al 18,3% del totale dei trasferimenti".

I dati Istat non sono gli stessi di Migrantes e Idos-Unar ma tutti confermano la stessa cosa: dall'Italia oltre ai giovani italiani se ne vanno pure gli stranieri.

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=