Prostituzione, alleanza bipartisan Spillabotte-Razzi per approvare legge

Alleanza bipartisan quella fra i senatori Antonio Razzi (Forza Italia) e Maria Spilabotte (Partito democratico) per dare l'impulso decisivo alle loro proposte di legge per regolamentare la prostituzione anche in Italia come in diversi paesi dell'Unione europea. "I disegni sono fermi in Commissione Giustizia e sono da calendarizzare - ricorda la Spilabotte - Ci batteremo per far sì che la legge sia approvata in questa legislatura. Il mio è quello di Razzi sono testi differenti in alcuni punti ma puntano entrambi alla regolamentazione del settore. Una priorità in questo momento in cui c'è bisogno di fare cassa ma anche per contrastare la malavita e i maltrattamenti che le donne subiscono. Questa regolamentazione non può che fare bene anche alle donne (e non solo) che vogliono lavorare in questo settore. Anche per contrastare la tratta e riduzione in schiavitù". 

Razzi, dal canto suo, ricorda che "è una mia battaglia da tre legislature per togliere le donne dalla strada e evitargli la schiavitù a cui ancora oggi sono costrette. Basti ricordare che gli sfruttatori ritirano loro i passaporti e possono riaverli solo se si riscattano con i 20-30mila euro da pagare. Ho parlato con diverse ragazze sia africane che dell'Est Europa e tutte devono pagare". Per Razzi è anche una questione previdenziale, visto che "sono lavoratrici pure loro e pure loro arrivano all'età della pensione che devono prendere come tutti gli altri lavoratori". Altrimenti poi allo Stato gli tocca pagare le pensioni sociali che sono erogate a chi risulta senza lavoro e reddito e che invece potranno essere pagate con i contributi che anche queste persone devono pagare, così come le tasse.

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=