Gino Bartali cittadino onorario d`Israele, salvò 800 ebrei

Gino Bartali è stato nominato cittadino onorario d`Israele. Il celebre campione del ciclismo italiano (nella foto in apertura d'epoca) è stato insignito dell`onorificenza postuma per il suo impegno durante la Seconda guerra mondiale per mettere in salvo tanti ebrei condannati ai campi di sterminio. Allo Yad Vashem, il memoriale israeliano eretto per ricordare la shoah, è stata organizzata una cerimonia in onore del ciclista toscano. A ricevere il titolo per il nonno era presente a Gerusalemme la nipote, Gioia Bartali (nella foto sotto, con Avner Shalev, presidente del Memoriale ebraico): "È stato un grande campione dello sport, ma anche un grande campione della vita. Ha messo a rischio la propria per salvare delle vite umane", ha detto.

Bartali era stato dichiarato "Giusto tra le nazioni" nel 2013 per aver salvato almeno 800 ebrei durante l'occupazione nazista in Italia. Lo fece, trasportando nel tubo della sua bicicletta documenti falsi per farli espatriare.
Poco prima della cerimonia, i ciclisti della squadra israeliana hanno compiuto una pedalata nel Giardino dei Giusti del Memoriale, dove è inciso il nome di Bartali. Da Gerusalemme quest`anno partirà l'edizione numero 101 del Giro d'Italia di ciclismo.

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=