Giornate Fai di primavera: in Abruzzo novità fra cui il Palazzo Tilli a Casoli

Con l'arrivo della primavera quale migliore occasione per visitare luoghi d'interesse artistico culturale sia in Italia sia nella nostra regione: sabato 25 e domenica 26 marzo 2017 tornano le "Giornate Fai di primavera", uno degli appuntamenti più importanti del panorama culturale italiano per la salvaguardia e valorizzazione del patrimonio nazionale. 

Il Fondo ambiente italiano (Fai) ha lo scopo di promuovere in concreto una cultura di rispetto della natura, dell'arte, della storia e delle tradizioni d’Italia e tutelare un patrimonio che è parte fondamentale delle nostre radici e della nostra identità. Quest'anno il Fai festeggia 25 anni di attività e per l'occasione apre al pubblico oltre mille siti in 400 località d’Italia (chiese, ville, giardini, aree archeologiche, avamposti militari, interi borghi), di cui 51 in Abruzzo, grazie al lavoro delle delegazioni di Chieti, L’Aquila, Lanciano, Pescara, Teramo e Vasto, più 17 siti in Molise.

Tra le aperture esclusive in Abruzzo (riservate a soci Fai, con adesione fattibile anche sui posti) segnaliamo: Palazzo Tilli a Casoli (Chieti), storico palazzo (nella foto d'apertura), ricco di fascino e bellezza, costruito da don Guglielmo Innocenzo Tilli, nella seconda metà del 700; Palazzo De Martinis a Canzano (Teramo) costruito in parte tra la fine del 600 e i primi venti anni del 700, e in parte nel 1854, riccamente decorato da affreschi; Casa Piersanti (sempre a Canzano, "Un piccolo gioiello incastonato tra pietre millenarie che parlano di storia”.

Le "Giornate di primavera", aperte a tutti, saranno anche occasione per scoprire oltre 50 borghi storici, in linea con l’iniziativa del Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo (Mibact) che ha proclamato il 2017 “Anno dei borghi. Tra gli itinerari proposti in Abruzzo Caramanico Terme (Pescara), piccolo villaggio medievale (nella foto a destra) nel cuore del Parco nazionale della Majella. L’elenco completo dei beni visitabili è consultabile sul sito www.giornatefai.it.

Anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha voluto ringraziare - con una cerimonia svoltasi il 21 marzo scorso al Quirinale, in occasione dei 25 anni - il presidente del Fai Andrea Carandini e i diversi delegati ragionali per il lavoro capillare e l'opera di più di 7500 volontari organizzati dalle 119 delegazioni Fai in tutta Italia, 87 gruppi e 83 gruppi giovani. (Mariagrazia Cammarano)

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=