Cuba, dagli archivi tante lettere di Hemingway, come quella alla Bergman

Fu Ernest Hemingway a scegliere l'attrice svedese Ingrid Bergman per interpretare Maria nel film “Per chi suona la campana” tratto dall'omonimo romanzo dello scrittore americano. Ciò che non era noto è che Hemingway chiese d'interpretare la parte all'attrice svedese con una una lettera "confidencial" conservata a Cuba.

Lo ha rivelato ieri il quotidiano cubano "Granma", in un articolo di Charly Morales Valido. Il primo best-seller fu, infatti, scritto da Hemingway proprio a Cuba, nella 'Finca la Vigia', la villa vicino L'Avana (video sotto) oggi Museo dove lo scrittore e giornalista ha vissuto a lungo, dal 1939 al 1960, l'anno prima di suicidarsi negli Stati Uniti. La Bergman era piaciuta molto a Hemingway nel film “Casablanca” e a sua volta l’attrice non seppe dire di no allo scrittore, dato che interpretò la versione cinematografica del celebre romanzo sulla guerra civile spagnola con Gary Cooper - scrive Morales - Questo e altri dettagli della vita avventurosa del Premio Nobel di Letteratura 1954 si leggono nelle sue carte inedite conservate dagli esperti cubani e degli Stati Uniti. "Una fonte del Museo 'Finca Vigia' - prosegue - afferma che gli studiosi dei due paesi (separati da un embargo Usa verso l'Isola che dura dal 1962, ndr) si stanno occupando di circa 1500 documenti inediti del 'Papa' (così si faceva chiamare lo scrittore a Cuba, ndr) e che la maggioranza sono messaggi privati e lettere. La Finca Vigia ha inviato di recente alla Biblioteca presidenziale 'Kennedy' di Boston, un lotto digitalizzato con manoscritti di vario genere, con itinerari di viaggi, cronache di uragani e altro, che formano l’archivio di Hemingway, che include il telegramma inviato dall’Accademia svedese per notificargli che aveva vinto il Premio Nobel (per l'altro libro cubano "Il vecchio e il mare", ndr) - Il progetto di scambi è auspicato dalla Fondazione Finca Vigía degli Stati Uniti, creata nel 2004 da Jenny Phillips, nipote dell’editore Maxwell Perkins, e dal governatore James McGovernTra i suoi obiettivi si segnala la conservazione dei materiali del Museo di L’Avana, il restauro della casa e la costruzione di un nuovo edificio con il controllo della temperatura e dell’umidità. Il patrimonio del Museo include una collezione di 20mila oggetti personali, documenti dello scrittore tra libri, trofei di caccia, dischi, armi lettere, fotografie, lo yacht Pilar e una vecchia Chrysler-55. Inoltre - prosegue Morales - una quinta parte dei novemila libri della biblioteca della Finca Vigía contiene note scritte e appunti in margine per lettere e testi".


e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=