Cina promette di reagire se Canada estraderà negli Stati Uniti Lady Huawei

  • Stampa

La Cina ha avvertito oggi Canada e Stati uniti che assumerà ulteriori iniziative se i due paesi nordamericani procederanno con l'estradizione di "lady HuaweiSabrina Meng Wanzhou, capo finanziario del gruppo di telecomunicazioni cinese. Lo scrive oggi il quotidiano "South China morning post". La portavoce del ministero degli Esteri Hua Chunying ha parlato dopo che l'ambasciatore canadese negli Usa ha detto che Washington chiederà formalmente l'estradizione della Meng. Quest'ultima, figlia del fondatore del colosso cinese Ren Zhengfei (nella foto d'apertura, è a destra col presidente cinese Xi Jinping), era stata arrestata (oggi è libera su cauzione, ma costretta a rimanere in Canada, nella foto a destra) perché la sua azienda avrebbe violato l'embargo Usa che proibisce di vendere all'Iran. 
"La Cina assumerà un'azione in risposta alle misure prese dagli Usa - ha detto la Hua in una conferenza stampa - Ognuno deve essere considerato responsabile delle proprie azioni. Sia gli Stati Uniti che il Canada dovrebbero essere consapevoli della serietà del caso e assumere iniziative per correggere l'errore".
La Hua ha parlato di un caso di abuso della convenzione sull'estradizione.

Da quando alla Casa Bianca c'è il repubblicano Donald Trumpgli Usa hanno ricominciato a fare gli "sceriffi" del mondo e a imporre i propri embarghi anche agli altri paesi, soprattutto se alleati. I cittadini iraniani stanno avendo problemi in Italia persino nei rapporti con alcune banche e poco importa se hanno il permesso di soggiorno. Ma Pechino non è un alleato di Washington e ha il diritto e il potere economico di vendere i propri prodotti dove crede. Iran compreso, come ha sempre fatto, del resto, anche a Cuba, paese alleato della Cina colpito da un embargo transnazionale che dura dal 1962, allentato solo durante la precedente presidenza democratica di Barack Obama. Non si capisce perché il Canada, che non ha mai rispettato l'embargo Usa verso Cuba, ora abbia cominciato a sorpresa a osservare quello verso l'Iran.

 

e-max.it: your social media marketing partner