Caso Koulibaly, Giorgetti: 'Chiudere stadi per violenza e razzismo'

Al "razzismo di Stato" denunciato dal sindaco di Napoli Luigi De Magistris risponde indirettamente il leghista Giancarlo Giorgetti, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega allo Sport (nella foto) che, sui cori razzisti contro il difensore senegalese Kalidou Koulibaly di ieri a Inter-Napoli e la morte del tifoso interista Daniele Belardinelli fuori di San Siro ha dichiarato: "Il calcio, lo sport non possono essere causa o pretesto per violenza e razzismo. È il tradimento dello spirito di ogni sport. Risse e agguati sono stati espulsi dagli stadi ma continuano a verificarsi fuori. È inaccettabile: i morti, le aggressioni, il razzismo dovrebbero indurre la federazione alla chiusura al pubblico dei medesimi stadi più che sospendere le partite con conseguenti problemi di evacuazione e ordine pubblico, per altro di difficile e delicata valutazione. Serve un segnale chiaro, anche da parte del mondo sportivo: oltre a punizioni esemplari è necessaria un`inversione di rotta. Gli oneri a carico delle società, già previsti dal Decreto Salvini, gravino in modo differenziato per le società che collaborano a estirpare il fenomeno. Le partite a rischio, indipendentemente dalle esigenze tv, dovrebbero essere giocate a mezzogiorno e non alla sera, come avviene in Gran Bretagna. E piu in generale tutti gli attori del mondo calcistico, che rappresentano un modello per i giovani sportivi, dovrebbero valutare più medidati e consapevoli atteggiamenti. Il tavolo proposto da Matteo Salvini con tutti i soggetti competenti è utile e urgente".

Importante l'intervento di Giorgetti (che conosce bene la materia in quanto tifoso persino dell'inglese Southampton, nella foto d'apertura). Il tavolo proposto da Salvini andrebbe esteso soprattutto agli arbitri: sono loro che devono sospendere per razzismo le partite; le società non hanno questo potere e sono parte in causa.

Intanto, il procuratore della Figc, Giuseppe Pecoraro "Inter-Napoli andava sospesa per i cori razzisti verso Koulibaly", mentre il questore di Milano Marcello Cardona ha sanzionato duramente i tifosi dell'Inter: curva dello stadio San Siro per loro chiusa fino a fine marzo e stop alle trasferte degli ultras fino a fine stagione.

 

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=