Arriva bracciale 'Schiaffo' per non dimenticare i bambini in automobile

Un bracciale per scongiurare il fenomeno del 'black out' temporaneo della mente ed evitare di dimenticare un bambino legato sul seggiolino in auto. E' l'obiettivo del "Progetto Schiaffo" lanciato dal comune di Corbetta, in provincia di Milano, in collaborazione con l`Associazione Tenace. A ogni neo mamma e neo papà verrà regalato dalla Farmacia comunale di Corbetta un dispositivo anti abbandono. Lo ha riferito il Tgcom24. Si tratta di un sistema molto semplice, un braccialetto 'snap', a scatto e autoavvolgente, di quelli usati dagli adolescenti, che non ha bisogno di batterie. Dopo aver sistemato il bambino sul seggiolino per l'auto, il bracciale, che non scivola e non si sfila accidentalmente, si fissa al polso o al braccio, e, grazie alle sue dimensioni, al suo colore rosso e al messaggio impresso sopra "bimbo in auto", aiuta a non dimenticarsi del bimbo in macchina allacciato al seggiolino. Perché una volta fuori dell'auto, non possiamo non notare il braccialetto che rimane stretto al nostro braccio. Per i superdistratti, magari da una telefonata iniziata in auto che prosegue fuori, il bracciale rosso non può non essere notato dalle altre persone (passanti o colleghi di lavoro), che ci ricordano di aver dimenticato il bimbo in auto. Inventore di Schiaffo è Marco De Iuliis (nella foto qui sotto a destra), fondatore della Tenace, che di mestiere fa il grafico. L'unico difetto di Schiaffo è che non impone al guidatore di indossarlo: insomma, prima di non dimenticare il bimbo a bordo non dobbiamo dimenticare in stringere il bracciale al braccio. "Il braccialetto 'vive' agganciato alle cinture del seggiolino - spiega De Iuliis - ed è necessario sfilarlo per poter posizionare il proprio bimbo. Quindi diciamo che il genitore è costretto a indossarlo per non tenerlo in mano".
Marco Ballerini, sindaco di Corbetta, ha dichiarato al Tgcom24: "Uno dei nostri collaboratori è stato toccato da vicino da questo brutto episodio di bambini morti perché dimenticati in auto e così abbiamo pensato a qualcosa che possa aiutare le famiglie e in particolare i neo genitori".

In Italia dal 2011, ogni anno, almeno un bambino muore perché viene dimenticato in auto "legato" al seggiolino.

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=