Usa, docente fa outing: "Figlio di madri lesbiche. Ecco il mia dramma"

“Abbiamo davvero bisogno di uno scienziato che ci dica che ogni bambino ha diritto a una madre e un padre?”
A pronunciare queste parole è Robert Oscar Lopez, docente d'inglese alla California state university nel corso di un’intervista con il giornale online "Nuova bussola quotidiana". Lopez racconta del suo dramma di bambino e ragazzo cresciuto con due lesbiche e ci ricorda che, aldilà della battaglia ideologica delle lobby Lgbt, aldilà delle battaglie per le unioni e le adozioni per coppie dello stesso sesso, c’è la situazione reale e drammatica di un numero sempre più alto di bambini cresciuti con coppie di genitori omosessuali. Figli ai quali è stata rubata ingiustamente una parte di loro stessi. "Concedere a una coppia omosessuale di sposarsi per essere felici insieme non è motivo sufficiente per tagliare la relazione di un bambino con sua madre o suo padre e dirgli che dovrebbe essere felice senza", prosegue Lopez che un padre biologico ce l'ha ma "non ha mai avuto alcun ruolo nella mia crescita". Altra confessione choc: "Di queste tre figure 'genitoriali' quella cui ero più legato era la compagna di mia madre". Il docente, che ha iniziato a frequentare l’università dichiarandosi bisessuale, ha 30 anni ha dovuto incontrare per forza il padre in ospedale per problemi di salute: "Ritrovarlo - prosegue nell'intervista - ha cambiato la mia vita: mi sono sentito una persona di nuovo completa", anche se l'obiettivo dichiara poi, in realtà, di averlo pienamente raggiunto con la sua nuova famiglia, sua moglie e sua figlia. "Incontri (padre compreso, ndr) che è come se avessero curato una ferita che sentivo dentro...". Per Lopez, i bambini che crescono all'interno di coppie gay "sono unici nella loro sofferenza perché nel loro caso la perdita del legame più importante, quello con uno dei genitori, è stata causata proprio da quelle persone che dicono di amarli più di ogni altra persona e che ciononostante li hanno derubati di una parte di loro stessi". Lopez ha studiato e cita anche dati statistici: "I figli cresciuti da una coppia omosessuale hanno, rispetto a quelli cresciuti dai loro genitori, un più alto tasso di suicidi, minori possibilità di diplomarsi, un alto tasso di disoccupazione (solo il 26% dei ragazzi cresciuti all’interno delle coppie omosessuali ha un lavoro fisso contro il 60% della media), maggiori probabilità di entrare nel mondo della droga, di contrarre malattie sessualmente trasmissibili e di andare in psicoterapia". L'intervista completa è qui.

 

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=