Quattro anni fa veniva ucciso Gheddafi. Libia cerca ancora sua identità e pace

Quattro anni fa veniva ucciso in Libia Muammar Gheddafi. L'eredità del dittatore - 43 anni al potere - continua a ossessionare libici e occidentali. "Gheddafi aveva scelto di costruire l'idea di uno stato forgiato sulla sua personalità", ha ricordato Michael Nayebi-Oskoui, analista senior sul Medio Oriente presso la società di intelligence Stratfor. Un'idea di Libia che non c'è più. Il Paese è spaccato in due. Il tentativo di mediazione dell'Onu per un accordo di unità nazionale non è ancora andato a buon fine e da Derna, nella parte più orientale, è partita l'offensiva dei jihadisti dell'Isis. E a quattro anni da quel 20 ottobre 2011, l`Italia si prepara a partecipare a una missione di sostegno alla stabilità e sicurezza del Paese - se richiesto dalle autorità locali - nell'ambito di una coalizione che la dovrebbe vedere protagonista. Il dittatore (nella foto) deposto e ucciso aveva deciso di utilizzare un esercito "finanziato con il petrolio per schiacciare ogni opposizione interna, piuttosto che costruire istituzioni statali capaci di sopravvivere anche dopo di lui - ha spiegato Nayebi-Oskoui - Passeranno anni, se non decenni, prima che la Libia possa costruirsi un'identità nazionale".
Il Paese, in gran parte tribale, dopo la morte del colonnello, è così caduto nel caos, con due Parlamenti - a Tripoli e Tobruk - due gruppi di potere, milizie su fronti contrapposti che si contendono autorità e controllo delle vaste risorse energetiche della Libia. Un'alleanza che comprende anche gruppi islamisti ha invaso Tripoli nel mese di agosto 2014, istituendo un governo e un parlamento non riconosciuti dalla comunità internazionale. La legittima autorità libica, che ha invece il sostegno dell'Occidente, è stata costretta a fuggire a Tobruk da dove, proprio ieri, è arrivato l'ultimo stop alla proposta Onu di accordo per un governo di unità nazionale. Senza la "Guida della rivoluzione", la Jamahiriya ha perso la sua condizione di "Stato delle masse" per diventare terra di nessuno.
"Gheddafi farà parlare di sé ancora per un lungo periodo perché il regime che egli ha consolidato avrà bisogno di molto tempo per essere completamente annullato", ha detto un funzionario con sede a Tripoli. "Tutto ciò che ha lasciato alle spalle era corrotto: la politica, l'economia, la società, anche lo sport. Abbiamo bisogno di cambiare dalla A alla Z, tutta la legislazione, tutte le regole e tutte le disposizioni", ha commentato la fonte libica.

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=