In Europa sempre più scuolabus a pedali. Italia ancora troppi bimbi a scuola in auto

Nelle civiltà nordeuropee sempre più bambini vanno in classe con lo scuolabus a pedali, il Cykebussen, nonostante il freddo, che evidentemente tempera. I genitori usano le biciclette per trasportare i figli anche se c'è la neve (come nella foto qui sotto a destra, in Danimarca). In Italia i genitori ancora portano i figli a scuola in automobile ("sennò si possono ammalare..."), intasando le vie attigue agli edifici scolastici di veicoli aumentano lo smog e bloccano il traffico in doppie e terze file. Come ci racconta spesso "Striscia la notizia", a Napoli i bambini vengono addirritura portati e ripresi a scuola anche in moto e scooter, in due o tre in sella col genitore incosciente e tutti senza caschi.

 

Anche il sito web "Per vivere meglio non sprecare" scrive degli scuolabus a pedali, ricordando che "Tutto è iniziato in Francia. Grazie a un giovane studente universitario, Amaury Piquiot, che ha lanciato il progetto dello scuolabus a pedali grazie a una raccolta di fondi con il crowdfunding. I bambini vengono presi a casa e portati a scuola con questo mezzo di locomozione molto particolare, un vero bus a pedali, che crea e ricorda un’atmosfera gioiosa, da luna-park. 

"Lo scuolabus a pedali - prosegue - è diventato così un nuovo modello di mobilità per i giovanissimi studenti e per le loro famiglie in diversi comuni della Francia, come Rouen e Louviers, dove è addirittura gratuito grazie a un investimento dell’amministrazione comunale".

 

Ma anche a Malmö, in Svezia, il servizio Cykebussen viene offerto a tutte le famiglie che hanno figli che frequentano le scuole, a partire (udite udite) dagli asili nido. Inconcepibile per le aprensive mamme italiane che, forse accetterebbero di far trasportare i propri figli su questi mezzi forse alla scuola secondaria, quando i ragazzi già voglio andare a scuola da soli. 

 

"E in Italia? - si chiede il giornale web ambientalista che rivela che  "lo scuolabus a pedali è partito in alcune scuole di MilanoTorino e Roma. E ha avuto un enorme successo, anche per gli effetti a catena che genera. Primo: le famiglie sono liberate dal peso di accompagnare i figli a scuola. Secondo: i bambini si divertono e imparano a usare mezzi condivisi, mentre fanno una preziosa attività fisica. Terzo: si riducono traffico e inquinamento. Tutto in un solo colpo. Le piccole passeggere e i piccoli passeggeri sono entusiasti di andare e tornare da scuola con questo mezzo che può contenere fino a 12 bambine e bambini: La bicicletta che li guida ha un meccanismo a pedalata assistita in modo da non far stancare troppo il ciclista che conduce. Le foto e il video sono ricchi di allegria e serenità. Potrebbe essere un ottimo incentivo per la mobilità sostenibile anche in Italia con il potenziamento della rete ciclabile.

 

 

 

 

 

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=