'Turismo e custodia del creato', convegno a Santuario di San Gabriele

Venerdì 6 e sabato 7 ottobre la suggestiva cornice del Santuario di San Gabriele dell'Addolorata a Isola del Gran Sasso (Teramo), ospiterà il convegno "Turismo e custodia del Creato". Sarà presente, fra gli altri, ospiti, anche il presidente della Regione Abruzzo Luciano D'AlfonsoLa due giorni di dibattiti e confronti è stata organizzata dalla Pastorale turismo, sport e tempo libero Abruzzo-Molise, dalla Dmc Gran Sasso Laga (Destination management company) e dal Centro sportivo Italiano (Csi) regionale, con l’obiettivo di dialogare, con tutti gli operatori del settore e i portatori d'interesse, su quelle che sono le potenzialità e le opportunità turistiche offerte dalle aree interne montane e sul lavoro di sviluppo e promozione di questi territori, che deve essere in linea con il rispetto della natura e del creato e sempre nell'ottica di un turismo sostenibile. Diverse le tematiche che verranno affrontate e che vedranno alternarsi importanti relatori provenienti da tutto il paese che porteranno, in dote, il proprio bagaglio di esperienze dirette e la possibilità di sviluppare un nuovo percorso di crescita sostenibile per l'Abruzzo e il suo territorio montano, coniugando turismo religioso e naturalistico, sportivo ed eno-gastronomico.

Proprio la scorsa settimana s'è svolta la 38ma Giornata mondiale del Turismo e il tema prescelto, per questa edizione, è stato appunto "Il turismo sostenibile come strumento di sviluppo". La sottosegretaria al Turismo Dorina Bianchi (nella foto a destra col vicepresidente della Regione Abruzzo, Giovanni Lolli), ha detto che “il nostro Paese con i suoi paesaggi e i suoi borghi, ma anche con i cammini e le ciclovie turistiche, può giocarsi la carta vincente per rendere strutturali i risultati ottenuti questa estate. Nell’ultimo anno, nel solo intervallo di mesi che va da giugno a settembre, sono stati oltre 48 milioni gli arrivi di turisti registrati. Ma nella media europea siamo ancora troppo legati a un turismo di tipo stagionale. Il turismo lento e sostenibile è la qualità che meglio si adatta alle caratteristiche dei nostri territori, offrendo soluzioni nei casi di insufficienza infrastrutturale – sebbene anche questo è un punto su cui si sta lavorando, come previsto dal piano straordinario per la mobilità turistica – e salvaguardando il nostro ambiente”.

Un concetto ribadito anche da Papa Francesco, che nel suo saluto alla Giornata mondiale ha voluto ricordare come il turismo deve essere "responsabile, non distruttivo, né dannoso per l'ambiente e per il contesto socio-culturale su cui incide, in particolare rispettoso verso le popolazioni e il loro patrimonio", sottolineandone anche il valore come strumento positivo per combattere la povertà globale.

Il convegno inizierà venerdì 6 alle 16 con il corso riservato a operatori turistici su “Vie, cammini, borghi, accoglienza”. Interverranno Maurizio Ialenti, direttore della Pastorale del turismo, sport e tempo libero d’Abruzzo e Molise, Federico Ceschin, segretario generale Cammini d’Europa, Simone Bozzato, del coordinamento Via Francigena Sud, Aberto Ferrari, segretario del Centro turistico giovanile (Ctg), Claudio Ucci, presidente del Distretto turistico Gran Sasso e Miriam Panichella, consulente della Regione Molise.

Sabato alle 10 inizierà la seconda parte del convegno con interventi di monsignor Michele Seccia, vescovo di Teramo-Atri, padre Natale Panetta, rettore del Santuario di San Gabriele, Roberto Di Marco, sindaco di Isola del Gran Sasso, Erminio Di Lodovico, presidente Dmc Gran Sasso Laga, Giancarlo Zappacosta, direttore Dipartimento turismo della Regione Abruzzo. ù

I temi del turismo sostenibile e del rilancio del territorio saranno approfonditi dai relatori intervenuti venerdì pomeriggio e anche da Lorenzo Berardinetti, consigliere della Regione Abruzzo, da Riccardo Strano, dirigente della Regione Marche e da Angelo De Marcellis, presidente regionale abruzzese del Csi.

Domenica 8 ottobre il Santuario di San Gabriele accoglierà il 18mo Raduno delle Confraternite. All’incontro di spiritualità e formazione parteciperanno una cinquantina di confraternite del centro Italia (nella foto a sinistra riunite nell'ultima edizione), in particolare da Abruzzo, Lazio, Marche, Molise e Umbria. La giornata inizierà alle ore 9 con gli arrivi dei vari gruppi. Seguirà un momento di preghiera nella cripta del santo. Alle ore 11 i gruppi daranno vita a una via crucis all’aperto. Quindi, alle 12, le confraternite parteciperanno con le loro caratteristiche divise alla messa solenne nel nuovo santuario.

Nella foto d'apertura, l'ippovia del Gran Sasso, la più lunga d'Italia con i suoi 320 chilometri di tracciato.

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=