Parco Trabocchi, nominato Commissario. Legnini: "Argine a petrolizzazione"

Il Parco nazionale della Costa dei Trabocchi, in Abruzzo, è da oggi realtà. Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Graziano Delrio, ha firmato il decreto di nomina del Commissario del Parco nella costa in provincia di Chieti. Ne dà notizia Giovanni Legnini, sottosegretario abruzzese all'Economia che parla di realizzazione del Parco che "fa un balzo in avanti" perché "Il commissario avrà il compito di predisporre la perimetrazione e di attuare tutti gli interventi necessari per l'istituzione nella nuova area protetta del Chietino. L'incarico è stato affidato all'architetto Giuseppe De Dominicis (foto sotto), ex presidente della Provincia di Pescara. "Si tratta di un risultato molto importate dopo 13 anni di inerzia, per il futuro del più lungo e pregevole tratto di costa protetto che va da Ortona a San Salvo - spiega Legnini, che ha seguito tutto l'iter dell'iniziativa e ha spinto per il decollo del progetto - Adesso il Commissario ha tutti i poteri per definire le procedure e i contenuti necessari per la definitiva costituzione di questa area protetta nazionale, completando l'importante lavoro già fatto dai sindaci, dalla Regione e dal Ministero dell'Ambiente. Si rafforza, così, anche il modello-Abruzzo dello sviluppo sostenibile - ha continuato Legnini - L'istituzione del nuovo Parco rappresenterà anche un passaggio fondamentale per la realizzazione della più lunga pista ciclo-pedonale sulla costa italiana. Si tratta di un progetto che darà impulso allo sviluppo del turismo e rappresenterà un argine contro il rischio petrolizzazione", che viene del progetto "Ombrina mare 2" sul quale, dunque, anche il sottosegretario abruzzese del Pd - dopo il governatore Luciano D'Alfonso e gli assessori ai Parchi e Ambiente Donato Di Matteo e Mario Mazzocca - ribadisce pubblicamente la propria contrarietà. "Sono contento per l'importante incarico di grande responsabilità confacente alle mia attitudini ambientali - è il commento a caldo di De Dominicis - Spero che l'anno di tempo indicato dal Decreto per costiture il Parco con i suoi organi di gestione sia sufficiente. Prenderò subito contatto con i sindaci per avviare percorsi condivisi con le comunità locali". L'istituzione del Parco da parte del Governo "è una risposta significativa anche da Roma - conclude il neo Commissario - perché è una scelta d'incompatibilità col petrolio: o si fa il Parco o si fa Ombrina mare 2".

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=