Onlus Allegrino, al via corso di prevenzione per studenti a Casoli su dipendenze

Prevenzione delle dipendenze da alcol e droghe, contrasto  al gioco d'azzardo, al bullismo e al cyberbullismo. Sarà incentrato su queste azioni il corso "Persone libere", che l'associazione "Domenico Allegrino"  tiene da oggi 4 all'8 novembre all'Istituto di Istruzione statale superiore "Algeri Marino" di Casoli (Chieti). L'iniziativa rientra nel progetto "Star bene sui fiumi della memoria, che la onlus di Pescara sta realizzando sulla base di un finanziamento del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali (Finanziamento di iniziative e progetti di rilevanza regionale promossi da Organizzazioni di Volontariato e Associazioni di Promozione Sociale per la realizzazione attivita' di interesse sociale di cui all'articolo 5 del Codice del Terzo settore, Determina Dpf 014/114 del 2/9/2019, Piano operativo Dgr 191 del 15/4/2019).

 

Nel corso degli incontri, gli operatori della onlus Allegrino, col supporto di alcuni esperti, illustreranno i dati sull'incidenza delle dipendenze, parleranno degli effetti sull'organismo, sulla salute e sulla condizione sociale e approfondiranno i risvolti di fenomeni come il bullismo e il cyberbullismo. Gli studenti (nelle foto sotto), inoltre, avranno modo di ascoltare le testimonianze di persone che sono riuscite a vincere le dipendenze, di rivolgere domande e riflettere sull'inquietudine e le fragilità  che si  vivono nel periodo dell'adolescenza.

"Il problema delle dipendenze tra i giovani sta peggiorando di anno in anno - afferma Antonella Allegrino, presidente della onlus - I dati rilevati nel 2018 dal Sistema di sorveglianza Hbsc Italia (Health behaviour in school-aged children – Comportamenti collegati alla salute dei ragazzi in età scolare), promosso dal Ministero della Salute e coordinato dall’Istituto superiore di sanità attestano, ad esempio, che il 43% dei 15enni italiani e il 37% delle 15enni ha fatto ricorso negli ultimi 12 mesi al binge drinking, cioè all'assunzione  di cinque o più bicchieri di bevande alcoliche in un'unica occasione. Inoltre, il 16% dei 15enni  e il 12% delle 15enni ha fatto uso di cannabis nel corso degli ultimi 30 giorni e  più di quattro studenti su 10 hanno avuto qualche esperienza di gioco d’azzardo nella vita, con i 15enni che risultano esserne coinvolti maggiormente (62%) rispetto alle coetanee (23%). E' una fotografia che evidenzia l'importanza della prevenzione: i giovani, spesso, non sono consapevoli dei rischi che corrono facendo uso di queste sostanze o cadendo nella trappola del gioco d'azzardo e non si rendono conto degli effetti che comportamenti prepotenti e violenti possono causare nei confronti dei più deboli. Cercheremo di farli riflettere affinché costruiscano il loro futuro in modo consapevole e responsabile ".

Le classi che parteciperanno a "Persone libere" sono le stesse che hanno già preso parte, dal 18 al 29 ottobre, al corso di sensibilizzazione al volontariato dal titolo "Sei pronto a sporcarti le mani" e cioè la 3G dell'Istituto professionale Industria e Artigianato, la 3A e 3B dell'Istituto tecnico economico e la 3M del Liceo scientifico. Durante l'attività, gli studenti hanno incontrato gli operatori e i volontari dell'associazione Allegrino e i giovani del servizio civile, che hanno raccontato le loro esperienze e spiegato in che modo si può accedere a questa opportunità. Alcuni incontri sono stato dedicati anche all'attività dell'Avis. Vi hanno preso parte (tutti nelle due foto d'aperturaAntonio Salino, Antonello Masciantonio e Maria Vizzarri della sezione di Casoli; Marisa Teti della sezione di Pennadomo (Chieti); Marco Di Santo della sezione di Lama dei Peligni (Chieti); Gabriele Piccone, Giovanni Di Falco e Antonio Antrilli della sezione di Torricella Peligna (Chieti); Remo Pietrodarchi della sezione di Atessa (Chieti); Pierluigi Lannutti e Daniele Melchiorre della sezione di Gessopalena (Chieti). Nel corso delle lezioni sono state illustrate le tematiche sanitarie legate alla donazione del sangue e  sottolineata  l'importanza della diffusione tra i giovani di una cultura della solidarietà e del volontariato. 

Il progetto "Star bene sui fiumi della memoria" è realizzato in partnership con l'associazione WillClown di Pescara, le Avis di Casoli , Pennadomo, Torricella Peligna e Atessa e in collaborazione con i Comuni di Casoli e Gessopalena, l'Istituto "Algeri Marino", le Avis di Lama dei Peligni e Gessopalena, la Asl di Lanciano-Vasto-Chieti con l'Unità operativa di Medicina generale 2 di Chieti e l'associazione "New sounds and beyond" di Pescara. (Comunicato stampa)

 

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=