Certificato penale, Ministero Giustizia esonera volontariato dall'onere

 

In seguito alla notizia dell'obbligo dell'esibizione dei certificati penali per tutti i collaboratori di imprese e no-profit a contatto con minori, si sono scatenate una serie di proteste e mobilitazioni che hanno portato il Ministero della Giustizia a pubblicare una circolare interpretativa e ben due note di chiarimento, che riducono di molto gli obblighi a carico delle associazioni rispetto ai certificati previsti dal Decreto legislativo. Per prima cosa, si legge nel documento, i volontari sono esclusi dall'onere di fornire la certificazione. L'obbligo vige ancora per i lavoratori subordinati o para-subordinati nelle associazioni, con una precisazione da parte del Ministero: nel caso in cui tempi di acquisizione del certificato penale si protraggano oltre il prossimo 6 aprile, l’interessato può, nel frattempo, rilasciare un’autocertificazione. La situazione resta poco chiara per il personale retribuito con voucher, che dovrebbe essere esente dalla presentazione del suddetto certificato, anche se le note interpretative non lo spiegano esattamente. In quest'ultimo caso, si consiglia comunque di far produrre almeno una autocertificazione. (Noemi Trivellone)

 

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=