Haiti, quattro anni dopo il sisma Caritas ancora al lavoro

Il terremoto sconvolse Haiti con oltre 220mila vittime e 300mila feriti. In un rapporto, Caritas illustra i 146 i programmi di sviluppo che, grazie ai fondi raccolti, sono stati realizzati in accordo con la rete internazionale e la Caritas haitiana. Molteplici gli ambiti di intervento: assistenza sfollati, sostegno istruzione, progetti in area idrico-sanitaria, socio-economica e di sviluppo agricolo. L’attività di Caritas italiana ad Haiti si è radicalmente modificata a seguito del terremoto.

Si è passati così da un impegno di analisi e attenzione al contesto sociale con il conseguente avvio di progetti e microprogetti, ad una fase di pronto intervento per fronteggiare l’enorme crisi umanitaria a seguito del disastro. Attraverso la presenza di operatori espatriati, la Caritas italiana si è posta fin dai primi giorni accanto alla Caritas locale e alla società civile. In un contesto sociale disgregato e con istituzioni locali poco presenti, la Caritas italiana ha coordinato il proprio lavoro con gli organismi internazionali intervenuti nella penisola caraibica (Caritas Internationalis, l’Onu e con il network delle associazioni). Nello specifico, l’intervento di Caritas italiana si è orientato nel primo anno successivo al sisma su tre linee direttrici: la partecipazione agli interventi della rete Caritas attraverso progetti di emergenza condivisi; l’accompagnamento di Caritas Haiti, con un affiancamento diretto nel lavoro di rafforzamento istituzionale e dell’organizzazione, nel potenziamento della rete delle 10 Caritas diocesane del paese e nella partecipazione alla pianificazione e implementazione del “Programma nazionale di economia solidale”; il finanziamento di progetti e l’accompagnamento di altri partner, affiancando diverse congregazioni religiose e alcune organizzazioni di base nella identificazione dei bisogni, nella ideazione dei progetti e nelle conseguenti fasi di monitoraggio e accompagnamento degli stessi in un’ottica di rafforzamento delle capacità istituzionali dei partner. La strategia attuale di Caritas italiana in Haiti, quindi dopo il primo anno, si delinea secondo queste cinque linee prioritarie: sostegno agli organismi della chiesa locale, sostegno allo sviluppo socio-economico, per promuovere una progressiva autonomia delle comunità coinvolte nei progetti. Rafforzamento della struttura organizzativa dei partner locali, per migliorarne le capacità proprie di pianificazione e di gestione. Sostegno all’educazione e attenzione continua alle urgenze. Caritas Italiana proseguirà la sua azione ad Haiti seguendo le linee d’azione sopra indicate, rafforzando l’accompagnamento con la Caritas nazionale haitiana e con le Caritas diocesane locali. Haiti è al 145mo posto su 169 paesi presi in considerazione dal “Rapporto sullo sviluppo umano del 2010”. È considerato un paese a basso sviluppo umano, il più basso delle Americhe.

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=