Occhi, glaucoma non diagnosticato in un caso su due. 'Occhio' a rughe

  • Print

Le rughe che compaiono sul viso quando non riusciamo più a contrastare in modo efficace i radicali liberi non sono l`unica conseguenza dello stress ossidativo che lascia dei segni evidenti su tutti i nostri organi, incluso quello della vista. Anzi proprio gli occhi, per la loro fisiologica struttura e per il continuo contatto con l`ambiente esterno, sono particolarmente soggetti ai danni causati dai radicali liberi. Con quali conseguenze per la salute dell`occhio? Il danno ossidativo induce alla lunga uno stress dei mitocondri, organi che producono l`energia necessaria alle cellule ganglionari retiniche e che - messi sotto attacco dai radicali liberi - diventano meno efficienti. Ecco perché stress ossidativo e disfunzione del mitocondrio giocano, insieme all`aumento della pressione dell`occhio, un ruolo importante anche nello sviluppo del glaucoma. Diversi studi hanno dimostrato che vari altri fattori, oltre alla pressione oculare, agiscono sulle cellule ganglionari retiniche (Rgcs) condizionandone il buon funzionamento e la sopravvivenza.

"In particolare, gioca un ruolo lo stress ossidativo e la conseguente disfunzione del mitocondrio - spiega Luciano Quaranta (nella foto a destra), direttore del Centro per lo studio del glaucoma all`Università degli Studi di Brescia - La cellula ganglionare è sensibile all`azione nociva dei radicali liberi dell`ossigeno (chiamati Ros), sostanze che si formano durante le normali attività corporee, come respirare, e che solitamente il corpo stesso neutralizza grazie alla presenza degli antiossidanti. Quando, però, i radicali liberi aumentano in presenza, per esempio, di una pressione oculare elevata, le difese antiossidanti non sono sufficienti e si viene a creare una condizione di stress ossidativo in cui i radicali liberi hanno la possibilità di danneggiare varie tipi di cellule presenti all`interno dell`occhio".

Lo stress ossidativo mette a rischio anche la funzionalità dei mitocondri, organelli che si trovano all`interno di tutte le cellule incluse quelle ganglionari retiniche. Hanno un ruolo importantissimo: "In pratica - spiega il professore - sono come un `distributore di benzina` perché forniscono energia alle cellule ganglionari retiniche in modo che possano continuare a ricevere l`impulso luminoso e trasmettere così lo stimolo visivo al cervello". Una sorta di "centrali energetiche" delle cellule. I mitocondri svolgono anche diverse funzioni: regolano l`omeostasi cellulare; sono coinvolti in numerose funzioni metaboliche; regolano l`omeostasi del calcio intracellulare e la morte cellulare per apoptosi. Le cellule ganglionari retiniche hanno più mitocondri di qualsiasi neurone del Sistema nervoso centrale.

"La retina - prosegue Quaranta - è il tessuto nervoso dell`occhio ed è continuamente colpito da raggi luminosi: proprio per questo ha bisogno di un apporto energetico elevatissimo e quando invece lo stress ossidativo mette in crisi i mitocondri questi non riescono a fornire la quantità di energia necessaria alle cellule ganglionari retiniche che perciò funzionano male o addirittura muoiono". Tutto ciò costituisce un fattore di rischio in più per lo sviluppo del glaucoma. Dunque, "trattamenti farmacologici in grado di mantenere la funzione mitocondriale, in particolare di attenuare lo stress ossidativo e di sostenere la produzione energetica - conclude l'oculista - possono costituire un nuovo modo di rallentare la morte delle Rgcs e supportare la terapia del glaucoma".

e-max.it: your social media marketing partner