Obesità infantile, a Montesilvano la Giornata di prevenzione

Si svolgerà domani, venerdì 28 febbraio, dalle 16 alle 19,30, nella farmacia Gangemi in via Vestina 285 a Montesilvano (Pescara) la locale “Giornata d'informazione e prevenzione per l'obesità infantile” a cura della dottoressa Francesca Febo, dietista nutrizionista di Pescara. L’iniziativa ha l'obiettivo d'informare gratuitamente genitori e bambini sull'importanza di una corretta e sana alimentazione.

“Negli ultimi decenni s'è assisistito a un continuo incremento dell'obesità infantile sia a carattere nazionale sia regionale – spiega la Febo (foto sopra) - Per tale ragione è interesse della sanità pubblica promuovere uno stile di vita salutare mediante un’adeguata informazione nutrizionale e una sana e divertente attività fisica. L'obesità ha un impatto negativo immediato sullo stato di benessere psico-fisico del hambino anche quando l'entità del sovrappeso è modesta. Perchè pone anche un' ipoteca su una serie di rischi durante l'eta adulta quali l'arteriosclerosi e patologie cardiovascolari ad essa associate. Uno degli obiettivi primari della prevenzione – prosegue la dietista - dovrebbe essere quello di motivare maggiormente l'opinione pubblica nei confronti delle sane regole di vita. Per modificare i comportamenti in età evolutiva è necessario intervenire sui modelli di riferimento del bambino e dell'adolescente provenienti dalla società degli adulti. L'ambiente e le abitudini alimentari familiari, infatti, costituiscono il primo modello di riferimento”. Diversi studi evidenziano che oltre a fattori genetici e ambientali ha un ruolo decisivo la predisposizione familiare: una buona percentuale dei bambini obesi hanno, infatti, uno o entrambi i genitori obesi. “La scelta di una sana alimentazione deve coinvolgere pertanto tutto l'ambito familiare e non soltanto il bambino – prosegue - E' opportuno introdurre pietanze notoriamente poco apprezzate e conosciute dai bambini come frutta e verdure, utilizzando ricette stuzzicanti e appetitose. Anche quando queste sono ripetutamente respinte non bisogna mai desistere nel riproporle facendone capire l'importanza nutrizionale e i benefici che apportano”. Il problema, infatti, è che sono i genitori a dover essere d’esempio oltre che controllare cosa mangiamo ì propri piccolo soprattutto fuori pasto, davanti alla tv o computer, dove i minori passano troppo tempo. Per i bambini delle scuole primarie (6-10 anni), si stima un 24% di bimbi in sovrappeso e un 12% obeso. L’11% dei bambini non fa la prima colazione e il 28% la fa in maniera non adeguata. L’82% fa una merenda a scuola qualitativamente non corretta. Il 23% dei genitori dichiara che i propri figli non consumano giornalmente frutta e verdura (solo il 2% dei bambini ne mangia più di quattro porzioni al giorno). Il 41% dei bambini beve ogni giorno bevande zuccherate (il 17% più di una volta al giorno).

Solo un bambino su 10 ha un livello di attività fisica raccomandato per la sua età, mentre uno su due trascorre più di due ore al giorno davanti alla tv o a videogiochi e ha un televisore in camera. Infine, circa quattro madri su 10 di bambini con sovrappeso/obesità non ritengono che il proprio figlio abbia un peso eccessivo o, al contrario, “alcuni genitori fanatici della ‘linea’ pensano che i propri figli siano in sovrappeso solo perché hanno cosce grandi (nel caso delle bambine) o la pancetta (maschietti) già in età preadolescienziale - rivela la dietista - Bisogna stare attenti alle parole perché i bambini sono molto sensibili, possono perdere l’autostima e ricorrere da soli a regimi alimentari troppo restrittivi: l'anorresia può colpire anche l'infanzia".
La Giornata di prevenzione obesità infantile consisterà in “un’attenta anamnesi nutrizionale che evidenzia abitudini e preferenze del bambino – conclude la Febo - Saranno forniti suggerimenti per modificare comportamenti alimentari inadeguati. Per coloro che saranno interessanti ad approfondire l'argomento ci sarà la possibilità di seguire un percorso di educazione alimentare articolato in alcuni incontri successive con lo sviluppo, da parte del bambino, di un diario alimentare giornaliero volto a evidenziare gli eventuali cambiamenti nurtizionali apportati”. Per informazioni: 347.6418931.

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=