Venezuela, Guaidò: Bachelet (Onu) vuole liberazione prigionieri politici

Il leader dell'opposizione venezuelana e presidente ad interim del Venezuela, Juan Guaidò, ha dichiarato che l'alto commissario per i Diritti umani dell'Onu, Michelle Bachelet, in missione in Venezuela, cominciata proprio con l'incontro con Guaidò (nella foto, i due insieme), s'è impegnata a favore della "liberazione dei prigionieri politici" nel Paese sudamericano in crisi. Il governo chavista del presidente Nicolas Maduro nega l'esistenza di prigionieri politici, mentre secondo le ong almeno 700 persone si troverebbero in carcere per motivi politici. La Bachelet, ex presidente socialusta del Cile, oggi ha incontrato a Caracas alcuni esponenti dell'opposizione e i familiari dei detenuti, dovrebbe vedere Maduro domani. La visita di Bachelet "dimostra la gravità della crisi, e il riconoscimento dell'urgenza della situazione umanitaria che da complessa sta per trasformarsi in catastrofica", ha concluso Guaidò, leader del partito Voluntad popular, nell'Internazionale socialista (che non riconosce il Psuv di Maduro) come quello cileno della Bachelet.

Oltre allo stallo della crisi politica che vede Maduro rimanere al suo posto nonostante il riconoscimento di diversi Paesi ottenuto da Guaidò e le sanzioni economiche statunitensi, il Venezuela è alle prese con la peggiore crisi economica della sua storia: l'iperinflazione dovrebbe raggiungere quest'anno il 10.000.000% mentre secondo le stime delle Nazioni Unite un quarto della popolazione necessita di aiuti umanitari urgenti.

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=