Venezuela, Maduro: 'Propongo a opposizione sblocco fondi Sanità bloccati da sanzioni Usa'

Il governo chavista del Venezuela proporrà all'opposizione di "sbloccare" fondi destinati alla sanità, a suo parere bloccati dalle sanzioni imposte dagli Stati Uniti. Lo ha annunciato il presidente Nicolas Maduro, spiegando che la proposta sarà avanzata nel quiadro dei colloqui tra le aperti in Norvegia. Maduro ha chiesto al suo capo negoziatore, il ministro della Comunicazione e dell'Informazione Jorge Rodriguez, di proporre "un accordo" per "sbloccare fondi per il trattamento di pazienti e persone bisognose di trapianti. Porteremo questa proposta in Norvegia", ha detto il capo dello Stato alla radio e alla televisione nazionale. Il governo di Maduro accusa Washington e le sue sanzioni finanziarie di un "blocco commerciale e finanziario" nel Venezuela. "Non una banca occidentale riceve pagamenti dal Venezuela. I soldi ce l'abbiamo", ha commentato il presidente venezuelano.

Il dipartimento di stato Usa, ricorda l'agenzia di stampa Afp, ha negato che le sanzioni statunitensi impediscono l'acquisto di medicinali e di cibo da parte del Venezuela, la cui situazione degli ospedali è drammatica, anche dal punto di vista igienico (come nella foto d'apertura). La situazione sanitaria tuttavia presentava grandi lacune già da prima delle sanzioni del 2016, secondo l'opposizione guidata da Juan Guaido, presidente dell'Assemblea nazionale, presidente ad hinterim e riconosciuto come tale da una cinquantina di paesi, compresi gli Stati Uniti ed esclusa l'ItaliaMercoledì scorso Maduro e Guaidò avevano espresso la volontà di mantenere contatti indiretti con la mediazione norvegese.

e-max.it: your social media marketing partner

 

JT Fixed Display

 

=